mercoledì, Maggio 12

Roma: scoperta la ‘casa del comandante’ Trecento metri quadrati, con ben quattordici ambienti, strutturati intorno ad un ampio cortile. 

0

Qualche giorno fa il soprintendente Francesco Prosperetti ha presentato le scoperte fatte nel cantiere della metro C a Roma: sono i resti di due edifici adiacenti al dormitorio della caserma romana scoperta nella primavera del 2016. Sono edifici di età adrianea agli inizi del II secolo d.C e sarebbero stati rinvenuti a dodici metri di profondità. Si tratterebbe della «Casa del Comandante», ovvero del responsabile del complesso militare andato in disuso nella metà del terzo secolo: circa trecento metri quadrati, con ben quattordici ambienti, strutturati intorno ad un ampio cortile.

Ben conservati sono apparsi i pavimenti in opus sectile a mosaico, a quadrati di marmo bianco e ardesia grigia,  e in cocciopesto. Nella domus sono stati ritrovati elementi due pugnali con manico in avorio, e diversi oggetti femminili. Questo dimostrerebbe un contesto di agio.

«Questa scoperta  viene mostrata dopo un complesso lavoro di scavo, consolidamento e pulitura, prima che venga delocalizzata per consentire il passaggio delle talpe oramai prossimo. Ma la Domus del Comandante e parte del complesso torneranno al loro posto. Abbiamo già trovato i finanziamenti e stiamo lavorando sul progetto di una stazione-museo dove questi tesori potranno essere ammirati» ha detto Prosperetti.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->