lunedì, Ottobre 18

Rohingya, le immagini della fuga verso il Bangladesh Secondo l’Unhcr, nelle ultime cinque settimane più di mezzo milione di musulmani hanno sconfinato

0

Migliaia di persone appartenenti all’etnia Rohingya che attraversano la frontiera tra Birmania e Bangladesh nel tentativo di mettersi al riparo dalle aggressioni di gruppi buddisti armati che da mesi, secondo le Nazioni Unite, stanno attuando una vera e propria pulizia etnica. Queste sono le immagini pubblicata dall’Unhcr, secondo cui nelle ultime cinque settimane più di mezzo milione di Rohingya hanno sconfinato in Bangladesh.

Intanto Human Rights Watch (HRW) ha denunciato la distruzione di circa 300 villaggi Rohingya nel nord-est della Birmania nell’ultima offensiva dell’esercito iniziata nell’agosto scorso dopo un attacco dei ribelli. Nel comunicato di HRW si precisa che il 90% dei villaggi colpiti sono concentrati nel municipio di Maungdaw e che gli incendi hanno selettivamente distrutto le abitazioni dei Rohingya lasciando intatte zone adiacenti dove risiedono Buddisti Rakhine.

Il rapporto denuncia inoltre che almeno 66 villaggi sono stati distrutti dopo il 5 di settembre, ovvero in un momento in cui il governo birmano aveva già dato ufficialmente per conclusa l’operazione di repressione iniziata il 25 agosto.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->