giovedì, Ottobre 21

Robot di nuova generazione: veloci più dell’uomo? I robot hanno assemblato la sedia in poco più di 20 minuti, affermano i ricercatori

0
È vero; ormai i sistemi di intelligenza artificiale possono essere in grado di battere gli umani nei giochi da tavolo, ma se si tratta di attività manuali più complesse e particolari, abbiamo ancora il vantaggio.
O almeno così credevamo.
Eh già, perché ora gli scienziati hanno creato robot in grado di fare ciò che fanno comunemente anche gli umani: cosa? Assemblare una sedia IKEA.
I ricercatori hanno infranto la credenza combinando hardware già disponibili in commercio, tra cui telecamere 3D e sensori di forza, dando vita a due due robot capaci di costruire sedie. Per farlo i robot hanno dapprima scattato alcune foto per identificare ogni parte della sedia. Un algoritmo ha pianificato i movimenti necessari per manipolare gli oggetti senza causare alcuna collisione; due braccia robotiche hanno infine eseguito tutte le azioni in concerto. Anche il feedback dei sensori di forza ha aiutato: quando il robot aveva bisogno di inserire un perno in un foro, per esempio, faceva scivolare il perno sulla superficie finché non avvertiva un cambiamento di forza.
Complessivamente, i robot hanno assemblato la sedia in poco più di 20 minuti, affermano i ricercatori. Precisamente 11 minuti e 21 secondi di pianificazione e 8 minuti e 55 secondi di assemblaggio effettivo. Chissà cosa saranno in grado di costruire tra poco.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->