giovedì, Maggio 6

Robot al posto degli uomini anche nei bar Possono arrivare a preparare anche 60 diversi tipi di cocktail fino a un massimo di 120 bicchieri all’ora

0

A Las Vegas un nuovo bar tender italiano sta avendo un grande successo. Dietro al bancone però un robot progettato in Italia e voluto nel suo locale da un imprenditore italiano. Tipsy Robot è stato sviluppato dalla Makr Shakr, azienda di Torino specializzata nella realizzazione di sistemi robotici.

Dopo essersi seduti al tavolo, oltre ad otto camerieri “in carne ed ossa”, si può ordinare tramite un iPad. I robot «prendono il ghiaccio, il limone, la soda e tutti gli ingredienti necessari poi mixano, shakerano e guarniscono la vostra ordinazione con una tecnica equiparabile a quella di un professionista di settore» ha dichiarato Rino Armeni Ceo di Robotic Innovation.

Il braccio meccanico e la mente elettronica possono arrivare a preparare anche 60 diversi tipi di cocktail fino a un massimo di 120 bicchieri all’ora.  «La prima cosa che ho detto al mio staff è che questi robot sono una attrazione, ma la gente torna al bar grazie a voi. Non voglio assolutamente lasciare fuori il fattore umano. I rapporti umani vengono prima di tutto» spiega Armeni.

Non tutti i clienti del Tipsy Bar sono del contenti dell’ impiego dei robot poiché, in questo modo, viene meno il rapporto umano con il vero barista. Ma Armeni conferma: «Nessuna intenzione di sostituire i baristi. I robot sono solo l’attrazione del locale».

(Video tratto dal canale Youtube BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->