giovedì, Dicembre 9

Roberto Cingolani: che farà il nuovo Ministro della Transizione ecologica? Diamogli il tempo di lavorare, ma, nel contempo, occorre vigilare che il core business sia proprio l’ambiente e il cambiamento di modello di sviluppo, a cominciare proprio dall’Energia

0

Che Ministro dell’ambiente sarà Roberto CingolaniSono plausibili le inquietudini che sono serpeggiate in questi primi giorni?

Ad esempio, dice Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia: «Partiamo male: il neo Ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, un anno fa dichiarava alla rivista di Eni che il solare costa troppo e che inquina (con silicio e metallo) e che il gas è il male minore. È bene che si aggiorni e in fretta prima di iniziare la transizione…»

Cingolani è un tecnologo, un fisico, e come tale porta una sua visione sviluppistaIl rischio è che succeda quello che è successo in Francia e cioè il super ministero della transizione ecologica è stato inglobato poi da quelli industriali ed economici in una chiara ottica di eterogenesi dei fini.

Un’altra affermazione del Ministro che ha fatto sussultare gli ambientalisti è poi quella sulle autorizzazioni ambientali che a suo dire devono essere più celeriD’accordo. Ma non sarà poi che per fare tutto di fretta si finisce per autorizzare tutto senza l’indispensabile analisi degli impatti?

Se così fosse la mossa di Beppe Grillo per avere un super Ministero ecologico con cui ha convinto gli iscritti su Rousseau a votare per il governo Draghi sarebbe una sorta di autogoal.

Diamo tempo a Cingolani di lavorare, ma, nel contempo, occorre vigilare che il core business sia proprio l’ambiente e il cambiamento di modello di sviluppo, a cominciare proprio dall’Energia. E poiché le idee camminano con gli uomini, vediamo quali scelte farà in tal senso.

L’Ecologia è al centro degli interessi dell’Unione Europea che infatti destinano ad essa le più grandi risorse del Recovery Fund. Un mare di soldi che bisognerà ben gestire e non deviare su altri progetti che poi con l’ambiente hanno a che fare marginalmente.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista professionista e scrittore. Laureato in Fisica. E’ stato anche deputato della Repubblica.

End Comment -->