martedì, Ottobre 19

Riprende il giro del Solar Impulse, l'aereo solare

0

Dopo un problema alle batterie, ieri ha ripreso il suo viaggio il Solar Impulse 2, l’aereo solare che ha attraversato il Pacifico, ora diretto dalla California verso Phoenix. Dopo qualche mese, in cui è stato costretto a terminare il giro, è ripartito per la decima tappa del giro del mondo senza carburante. L’aereo solare è pilotato da André Borschberg, co-fondatore del progetto, e dovrebbe impiegare poco più di sedici ore, coprendo circa 1.160 chilometri.

Le tappe precedenti lo hanno visto compiere la traversata del Pacifico, durante la quale, il Solar Impulse 2 ha registrato diversi record in quanto aereo solare elettrico, tra i quali quelli della distanza, della velocità, della durata del volo e dell’altitudine.

Il progetto che riguarda il Solare Impulse 2 è all’avanguardia, perfettamente in linea con la tendenza, di questi ultimi anni, a trovare soluzioni alternative per ottenere una migliore qualità della vita sulla terra utilizzando energie rinnovabili. L’aereo costituisce la soluzione del futuro, che non rinuncia alle prestazioni e all’efficienza. «Solar Impulse è la dimostrazione di efficienza energetica e di gestione intelligente dell’energia. Questo è quello che dovremmo fare nelle nostre comunità, le nostre città e dei nostri paesi; per avere una produzione decentrata dell’energia rinnovabile, utilizzando energia solare, termica ed eolica», sottolinea André Borschberg.

Bertrand Piccard, ideatore e presidente del progetto ha dichiarato: «Solar Impulse è più di un aeroplano: è un concentrato di tecnologie pulite, un laboratorio volante vero e proprio, e dimostra che oggi esistono già le soluzioni per rispondere alle grandi sfide della nostra società».

(Video tratto dal canale Youtube: wochit news)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->