lunedì, Aprile 19

Rio, estesa la linea metropolitana per le Olimpiadi

0

La linea metropolitana della città di Rio ha terminato in tempo l’estensione del suo percorso per gli spettatori delle Olimpiadi 2016, collegando così Copacabana a Barra da Tijuca, sede del Parco Olimpico, che ospiterà la maggior parte dei centri sportivi, alle zone turistiche della città. 

Si prospetta l’arrivo di mezzo milione di persone per assistere alle Olimpiadi estive. Per questo motivo, è stata prolungata la linea 4 della metropolitana, che ha iniziato ad operare lunedì, per un costo di 3 miliardi di dollari, e che così renderà facilmente accessibile ai turisti la lontana sede delle Olimpiadi. La nuova linea sarà disponibile solo a coloro che disporranno delle credenziali per le Olimpiadi o ai possessori del biglietto. E’ lunga 16 chilometri e ci sono voluti sei anni per completarla. A tal riguardo, ha così commentato il segretario dei trasporti di Rio, Rodrigo Vieira: «Stiamo per avere trecentomila persone che usano la linea ogni giorno e stiamo andando a togliere dalle strade più di 2.000 auto ogni ora, in modo che sarà un bene per l’ambiente, la città e per tutti».

I Giochi Olimpici 2016 inizieranno domani e lo Stato e la città di Rio hanno investito fortemente nelle infrastrutture di trasporto. Nel mese di maggio l’aeroporto internazionale di Rio de Janeiro aveva aperto un nuovo edificio che ha quasi raddoppiato la sua capacità passeggeri; mentre sabato 28 maggio la strada che collega Barra a sud di Rio è stata ampliata, aumentando la sua capacità di traffico del 30 per cento.

 

 

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di CCTV News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->