venerdì, Settembre 24

Rio de Janeiro, se il capodanno vale la sua fama field_506ffb1d3dbe2

0

rio de janeiro

L’anniversario dei 450 anni della Cidade Maravilhosa sarà il tema della più grande festa di Capodanno a cielo aperto del mondo: o Réveillon de Copacabana. Come sempre sono i numeri a descrivere meglio la scena: 27 ore di spettacolo, 18 artisti famosi, 300 riflettori, 3 palcoscenici, 500 bagni chimici distribuiti sul lungomare, 11 traghetti, 24 tonnellate di materiale esplosivo, 34.000 bombe, 30 torri del suono, altrettanti posti di polizia, 5 unità mediche. Per finire, o forse sarebbe meglio dire ‘per cominciare’, 16 minuti di fuochi d’artificio.

Questo il capodanno di Copacabana, questi i numeri della festa a cielo aperto più famosa del mondo. Una festa che promette di essere molto diversa dal tradizionale capodanno carioca .
Perchè quest’anno Rio de Janeiro compie 450 anni e ciò che succederà dopo la mezzanotte del 31 dicembre 2014 sarà solo la cerimonia di apertura, cioè la prima di una lunga serie di feste e commemorazioni che avranno luogo nel corso di tutto l’anno. La cerimonia del prossimo 31 dicembre, fa sapere il Governo di Rio, ha come scopo quello di mostrare l’allegria contagiosa del carioca, il carnevale famoso in tutto il mondo, la bellezza dell’estate tropicale.
Per questa ragione il pubblico di Copacabana assisterà ad uno spettacolo pirotecnico inedito, fatto di fuochi d’artificio con effetti sonori. In base alle stime dell’impresa di turismo governativa Riotur la festa di Copacabana attirerà in spiaggia più di 2 milioni di persone. “Non è solo una festa di Capodanno. E’ il Capodanno dei 450 anni di Rio de Janeiro e chi dirige la festa è il carioca.” Così il segretario de Turismo Antonio Pedro Figueira de Melho. “E’ un onore aprire il calendario delle commemorazioni ufficiali dell’anniversario della città e lasciare così l’impronta del carioca in tutti i palcoscenici montati appositamente per l’occasione”.
Previsti 815mila turisti, cioè il 6% in più rispetto all’anno scorso, per un giro di 650milioni di dollari, il 5% in più paragonato al 2013.
La media di occupazione alberghiera nella notte del 31 dicembre si attesta al 79%. “Sarà un’edizione ancora più speciale” promette il Vice Presidente dell’impresa che organizza l’evento, nonché direttore artistico. “Il Capodanno di Copacabana è il migliore e il più grande del mondo. Per cominciare il 2015 in grande stile, la festa prevede l’esibizione di grandi nomi della musica brasiliana e uno spettacolo di fuochi con effetti inediti”.

Però il rovescio della medaglia c’è sempre e per ogni lato buono è previsto anche quello cattivo. Chi deciderà di passare la notte di capodanno in spiaggia dovrà essere preparato ad aprire il portafogli: i prezzi, che già dai tempi della Coppa sono saliti alle stelle, stanno raggiungendo livelli stratosferici e promettono un’ascesa ulteriore per la notte del 31. A seconda dell’accento del cliente una birra può arrivare a costare anche 30 reais, l’equivalente di 10 euro. Sul lungomare di Copacabana i commercianti non hanno problemi a mostrare già le loro tabelle speciali in cui viene esibito l’aumento del 50% sui prezzi convenzionali: fare il bagno al mare in questi giorni è considerato un lusso perche l’affitto di sdraio e ombrellone costa caro.
Il Capodanno di quest’anno funzionerà come un test per il governo di Rio de Janeiro, il secondo dopo quello della Coppa del Mondo. Perché la città si sta preparando ai giochi olimpici del 2016 e già parecchie premesse non sono positive. Non è una buona notizia, per esempio, quella della proliferazione di cianobatteri nel bacino idrografico di Jacarepaguà, a pochi km dal parco e dalla città olimpici. Diversi specialisti hanno lanciato l’allarme pochi giorni fa per dissuadere la popolazione a fare il bagno nelle acque di Barra De Tijiuca proprio in questo periodo di maggiore contaminazione. “I microbatteri sono nocivi e invisibili” hanno fatto sapere, “proliferano con il caldo eccessivo e le fogne”. A rischio anche le acque della di Copacabana e Ipanema, quindi.
Per la prefettura di Rio la priorità resta comunque quella della sicurezza. Il personale di polizia operativo la notte del 31 dicembre sarà del 50% maggiore rispetto all’ordinario. L’obiettivo è quello di garantire una festa quanto più serena e pacifica possibile. Un’opportunità per testare una volta di più l’efficacia del corpo militare carioca che nel 2016 avrà il compito di sorvegliare l’intera città in maniera più che scrupolosa.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->