sabato, Settembre 25

Rio de Janeiro: è arrivato il Carnevale Tra carri e parate, più di un milioni di turisti arriveranno da tutto il mondo

0

E’ arrivato il Carnevale a Rio De Janeiro. «Dichiaro ufficialmente aperto il Carnevale» ha detto il ‘rei Momo‘, il re del Carnevale, una figura che è chiamata a ‘regnare’ sulla città durante la festa. In città sono attesi più di 1,5 milioni di turisti provenienti non solo dal Brasile, ma da tutto il mondo, quasi mezzo milione in più rispetto all’anno scorso.

Le scuole di samba di Rio de Janeiro hanno invaso il Sambodromo hanno inaugurato l’ evento più atteso dell’ anno. La ballerina più importante di una delle scuole in gara, quest’anno, per la prima volta, è britannica, Samantha Flores: infatti, nessun straniero ha mai ricoperto questo ruolo in quasi 80 anni di storia.

Oltre alle parate, ai famosi carri,  gli angoli dei quartieri si riempiono di tanti piccoli eventi di danza e musica, i “blocos”, feste semplici, con costumi economici, al ritmo della samba.

Oltre 17mila poliziotti garantiranno la sicurezza nelle piazze e nelle strade, soprattutto per evitare incidenti come quelli che caratterizzarono l’ evento dello scorso anno, quando un conducente perse il controllo del carro, colpendo una tribuna ed uccidendo una giornalista. Gli stessi conducenti dei carri, quest’ anno, saranno sottoposti a droga ed alcol-test.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->