sabato, Luglio 24

Rio, al via i Giochi tra scioperi e allerta sicurezza

0

Manca davvero poco. Stasera il via ai Giochi Olimpici di Rio 2016. Qui a L’Indro abbiamo raccontato già dallo scorso anno i tanti problemi interni del Brasile e che hanno afflitto la città proprio in vista del grande evento sportivo. Nelle ultime settimane poi gli allarmi sono aumentati: dal villaggio olimpico completato solo nelle ultime ore, dai problemi delle acque dove si disputeranno alcune gare, dall’allarme inquinamento (ultimo caso anche il guano sui campi di tennis) a quello del virus Zika. Insomma tanti i disagi, ma a preoccupare è la questione sicurezza. Nelle scorse settimane alcune persone sono state fermate dopo aver cercato di ottenere un pass come giornalisti per l’evento. Ma ad allarmare è anche il rischio attentati. Nel timore di un possibile attacco, il governo brasiliano sta lavorando in stretta collaborazione con polizia e servizi di intelligence Usa per identificare potenziali minacce. A darne informazione il ‘New York Times‘, secondo cui il livello di allarme si è alzato dopo la pubblicazione da parte dell’Isis di una serie di documenti in portoghese, oltre alla volontà dell’organizzazione terroristica di assumere personale che parla portoghese.

Inoltre preoccupa la delinquenza di Rio. Nei quartieri più malfamati continuano gli episodi di furti e sparatorie. L’ultima ha visto coinvolta addirittura la nazionale di basket della Cina, arrivata a Rio in nottata e che si è trovata nel bel mezzo di uno scambio di colpi d’arma da fuoco mentre transitava nella zona di Marè, nella zona nord di Rio. E a meno di 24 ore dal via dei Giochi, ecco arrivare anche la notizia che la polizia civile brasiliana, incaricata di scortare a Brasilia alcune selezioni calcistiche, tra cui Danimarca, Iraq e Sudafrica, ha deciso di proclamare lo sciopero ad oltranza per protestare contro il mancato aumento salariale del 37% da parte del governo locale. Mobilitata subito la polizia militare, che dovrà cercare di sopperire alle carenze. Ma questo via a Rio 2016 appare davvero complicato.

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->