domenica, Maggio 9

Ridurre la povertà è possibile Hans Rosling ci propone la sua formula veloce

0

Il leggendario professor Hans Rosling, showman statista, torna con ad esaminare l’obiettivo straordinario per cui si può sradicare la povertà estrema nel mondo con la collaborazione di tutti. Nel corso della settimana alle Nazioni Unite e agli spettatori presenta i loro nuovi obiettivi di sviluppo globale, definiti ‘Do not Panic. Come porre fine alla povertà in 15 anni‘ è l’obiettivo numero uno per il mondo: sradicare, per la prima volta nella storia umana, quella che viene chiamata estrema la povertà – la condizione di quasi un miliardo di persone, attualmente misurato come coloro che vivono con meno di $ 1,25 al giorno.

Rosling utilizza la tecnologia di proiezione olografica per proporre i suoi grafici a bolle iconici e le montagne di reddito a presentare una valutazione ottimistica della nostra capacità di raggiungere questo obiettivo entro il 2030. L’apertura dei nostri occhi su tali temi, tramite spettacoli divertenti e ricchi di dati fanno di Rosling uno degli statisti del mondo più ricercati e relatore autorevole. Egli porta in vita la sfida globale, intrecciando le statistiche potenti con le drammatiche storie umane dall’Africa e dall’Asia. In Malawi, le piogge hanno fallito come Dunstar e Jenet a raccogliere il loro mais. Quanti mesi di fame dovranno ad affrontare quando si esaurirà tale risorsa? In Cambogia, Srey Mao sta per dare alla luce due gemelli, ma uno è capovolto,  prendendo in prestito i soldi per pagare le spese mediche. Potrebbe questo lieto evento gettare la famiglia torna in condizioni di estrema povertà?

I dati mostrano che i recenti progressi globali sono “la più grande storia del nostro tempo, forse il più grande sviluppo della storia di tutta l’umanità“. Hans conclude mostrando perché eliminare o ridurre la povertà estrema in fretta sarà più facile che lentamente.Do not Panic. Come mettere fine alla povertà in 15 anni‘ segue le precedenti pluripremiate produzioni della BBC di Rosling ‘Do not Panic. The Truth About popolazione’ e ‘The joy of opening of Stats. Production‘ per la BBC realizzati in collaborazione con la Open University.

(tratto dal canale ‘Youtube’ della ‘BBC’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->