martedì, Aprile 13

#restiamoacasa: come affrontare in totale comfort l’emergenza coronavirus Ecco come affrontare la quarantena in casa nella maniera più tranquilla e costruttiva possibile

0

Le misure restrittive per contrastare la diffusione del coronavirus contenute nel decreto del 9 marzo 2020 hanno avuto un grandissimo impatto sulla vita quotidiana degli italiani, cambiandone abitudini, lavoro e relazioni familiari. Noia, sensazione di spaesamento e difficoltà ad adattarsi alle nuove regole sono molto diffuse. Ecco perché è bene poter avere qualche hobby oppure attività che si possono svolgere in casa che permettono di rendere il proprio tempo libero stimolante e propositivo senza dover uscire, così da poter superare questo momento di emergenza in totale comfort. La tecnologia rappresenta un valido aiuto in questo senso perché consente di mantenere i contatti (anche a distanza) in maniera semplice e istantanea. Basta un normale smartphone non soltanto per sentirsi e vedersi con amici e familiari, ma persino per organizzare incontri senza uscire di casa. Ad esempio, una serata tra amiche online vuol dire scherzare, rilassarsi insieme e parlare come se davvero ci si incontrasse per un aperitivo. È sufficiente optare per le chiamate in modalità video. Inoltre ci si potrà coccolare con una tisana o una cioccolata calda, tranquillamente avvolte in una coperta o stese sul divano. In alternativa, si può decidere di guardare insieme la tv a distanza. Si sceglie il film o il programma da guardare tutti insieme nello stesso momento, scambiandosi opinioni, commenti e anticipazioni via WhatsApp.

Gli hobby e la lettura

Sempre online si possono trovare tutorial (sia video sia testuali) su come impiegare il proprio tempo libero, dedicandolo al fai da te oppure a varie attività ricreative che permettono di divertirsi e liberare la tua creatività senza uscire di casa. La scelta dipende dai tuoi gusti personali. Può essere una semplice occasione stimolante e appagante per affrontare con entusiasmo e tranquillità l’emergenza del coronavirus oppure trasformarsi in un vero e proprio hobby che proseguirà anche in futuro. Ad esempio, è possibile perfezionare l’inglese oppure imparare una nuova lingua. Una volta terminato il periodo di restrizioni potrete applicare quanto appreso con grande soddisfazione. La soluzione migliore consiste nel porsi determinati obiettivi per poter misurare i propri progressi e scandire bene il tempo. Un’attività veramente semplice ma davvero stimolante è rappresentata dalla lettura. Avere tanto tempo libero che non si sa come impiegare vuol dire poter finalmente dedicarsi a libri di cui si è rimandata la lettura per vari motivi. In alternativa, si può ricominciare un libro già letto per vederlo con nuovi occhi. In questo modo si viaggerà con la fantasia pur dovendo rimanere chiusi in casa.

Volersi bene e coccolarsi

L’accorgimento migliore da realizzare per non sentire la noia e il peso di dover rimanere chiusi in casa è mettersi comode e rilassarsi. Visto che i contatti fisici sono sconsigliati persino con la propria famiglia, l’importante è voler bene a se stesse. L’obiettivo è affrontare questa quarantena nella maniera più tranquilla e costruttiva possibile. Una tisana calda da bere, cuscini morbidi a cui appoggiarsi, un abbigliamento comodo sono suggerimenti che si possono mettere in pratica per avere momenti di relax e non avvertire lo stress della situazione. Un pigiama donna dalle forme ampie, realizzato con tessuti morbidi dai colori pastello oppure decorato con fantasie simpatiche e divertenti. Ad esempio, si può scegliere un pigiama Yamamay guardando tra quelli proposti in questa pagina: https://www.yamamay.com/it_it/donna/intimo-notte/pigiami/. La linea del noto brand di intimo è molto variegata e permette di scegliere il pigiama da donna più adatto ai tuoi gusti e alle tue esigenze. Ci sono modelli in tre pezzi, corti, lunghi o aperti davanti. E per le più freddolose non può mancare il pigiama invernale in pile.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->