sabato, Settembre 18

Repubblicani verso l'abrogazione dell'Obamacare? La proposta di abrogazione dell'Obamacare da parte di Paul D. Ryan, portavoce repubblicano GOP

0

Il Presidente della Camera dei Rappresentanti per lo Stato del Wisconsin e nuovo portavoce GOP dei RepubblicaniPaul D. Ryan, ha annunciato che proporrà un disegno di legge che potrebbe abrogare l’Obamacare, con un piano di revisione del ‘Planned Parenthood‘ di Obama, ovvero dei fondi federali di assistenza sanitaria, inviato già al Presidente. Dopo una campagna di impegno sociale sulla sanità portata avanti del Partito Repubblicano già nel 2014, la revisione dell’Obamacare di Ryan si appellerebbe alla votazione di fiducia tramite un nuovo veto parlamentare dell’Obamacare, approvata con 240 voti favorevoli e 181 contrari, grazie al forte sostegno da parte dei Democratici con la sola opposizione di tre Repubblicani (dopo aver superato il Senato con 52 voti a favore e 47 contrari il mese scorso). Ryan ha affermato che la votazione dei favorevoli alla riforma è troppo poco distante dai contrari, si darebbe troppo poco conto agli elettori del GOP Repubblicani degli States di criticare le norme del Presidente USA, non favorevoli al buon funzionamento della sanità USA. Ryan cerca di guadagnare il sostegno popolare grazie al voto parlamentare, l’ultimo di decine di voti anti ‘Affordable Care Act’, impegnandosi con l’attuazione di un’agenda alternativa audace che, secondo la sua opinione, metterà in evidenza le differenze tra repubblicani e democratici in vista delle Presidenziali 2016, utilizzando l’arma di una politica corretta sulla sanità USA che risollevi il bilancio non chiaro in tale campo, ma che bloccherebbe la pianificazione del ‘Planned Parenthood di Obama.

 (tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘CNN’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->