mercoledì, Luglio 28

Repubblica Ceca: chi è Andrej Babis Il nuovo premier 'populista', tra affari, truffe e un passato 'comunista' che però rinnega

0

Ha trionfato con il 29,7% dei voti, sbaragliando letteralmente la concorrenza. Parliamo di Andrej Babis, il nuovo primo ministro della Repubblica Ceca. Ma chi è in realtà? Si sa che possiede un patrimonio di 4 miliardi di dollari, che ha fondato un partito-azienda nei cui posti chiave ha piazzato i suoi principali collaboratori, ha un’enorme influenza mediatica grazie all’acquisizione di due tra i principali giornali del Paese ed è anche accusato di una maxi truffa.

In politica però Babis è conosciuto per essere diventato ministro delle Finanze nel 2013 in una coalizione tra la sua «Azione per i cittadini insoddisfatti», i socialdemocratici e i cristianodemocratici. Il posto al governo l’ha perso per le inchieste, da cui risulterebbe che ha usato quasi due miliardi di fondi europei per un hotel di lusso e un centro conferenze: erano soldi destinati alle piccole imprese e lui li avrebbe ottenuti tramite il suo conglomerato Agrofert che raggruppa 230 aziende e impiega 32 mila persone. E ora da premier potrebbe riottenere l’immunità parlamentare che gli è stata tolta il mese scorso.

Ma non è tutto: c’è infatti chi lo accusa di un passato comunista. In base a documenti degli archivi di Stato, infatti, Babis, figlio di un importante esponente del vecchio regime, è stato un agente della polizia segreta. Lui dice che sono carte false, ma la scorsa settimana la Corte costituzionale slovacca ha riaperto il caso, annullando una sentenza del 2014 che lo aveva assolto. Ma intanto fa paura a molti in Europa, visto che in molti parlano di ‘populista al potere’.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->