domenica, Maggio 16

Renzi: 'Italia sicura'. Ma l'opposizione non ci sta

0
1 2


All’indomani degli attentati avvenuti all’aeroporto e alla metro di Bruxelles, il Premier Matteo Renzi ha indetto una riunione straordinaria sulla sicurezza con i capi gruppo dei partiti di maggioranza e minoranza, i Ministri dell’Interno e degli esteri, Angelino Alfano e Paolo Gentiloni, ed Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con delega ai servizi segreti, Marco Minniti. «L’Italia ha predisposto tutte le ‘misure di sicurezza necessarie’ a fronteggiare la minaccia terroristica» avrebbe dichiarato, secondo alcune fonti vicine al Governo, il Presidente del Consiglio di fronte ai delegati  presenti presso palazzo Chigi, proseguendo: «Abbiamo, come tutti i partner, messo in campo tutte le misure di sicurezza necessarie, anche se non risulta ad ora una minaccia specifica in Italia. Occorre stringere sui meccanismi di intelligence fra i Paesi europei e non solo, valorizzare Europol, lavorare su una struttura condivisa. E mettere denari veri sulle aree urbane. Serve un gigantesco investimento in cultura, sulle periferie urbane, un investimento sociale. Continuo a pensare che aspetto educativo per sconfiggere minacce nate e cresciute in Europa sia fondamentale». Renzi aveva precedentemente annunciato durante la conferenza stampa tenutasi ieri sera il suo intento di voler collaborare il più possibile con gli altri partiti facendo ‘quadrato’ per garantire un alto livello tutela del territorio italiano e dei suoi abitanti.

Pienamente d’accordo con le linee guida dettate dal Premier i rappresentanti di Forza Italia (FI) presenti al meeting: «Ci hanno aggiornato sulle ultime notizie, è una riunione riservata è compito nostro non divulgare informazioni delicate» ha precisato il capogruppo di FI al Senato, Paolo Romani. «Ci è stato fornito un aggiornamento efficace ed efficiente. Il ministro Alfano ci ha rassicurato su un’opera di prevenzione che viene fatta nel nostro Paese. Il problema è capire se l’attentato avvenuto ieri è stato in conseguenza dell’arresto di Salah o se fosse preordinato.Probabilmente c’era una progettualità già in campo che ha subito una accelerazione dall’arresto’ è stata la risposta di Alfano. ‘Il fatto sorprendente è che Salah è rimasto lì a poche centinaia di metri da casa sua‘». Dello stesso avviso anche Lorenzo Dellai, presidente alla Camera del gruppo Democrazia solidale-Centro democratico, che afferma: «La riunione a Palazzo Chigi sulla sicurezza rafforza la volontà del governo e delle forze politiche di dare un messaggio di serietà e di nervi saldi. Il governo si è assunto impegni. Il rafforzamento dei dispositivi di sicurezza è sotto gli occhi di tutti».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->