sabato, Ottobre 23

Renzi invoca la sicurezza comune

0
1 2


Da Bruxelles ha parlato anche il leader del carroccio Matteo Salvini, che solo per un soffio è scampato alle esplosioni avvenute nella zona aereoportuale «Scritte pacifiste coi gessetti colorati. Temo che per combattere l’Isis i gessetti colorati non bastino» ha scritto l’eurodeputato della Lega Nord attraverso il suo profilo di Twitter, che, nonostante la linea telefonica avversa, è riuscito a comunicare gli sviluppi della situazione post attentato girando, ove era possibile, nelle zone della capitale belga circostanti al Parlamento Europeo «Deserta come mai vista, 4 militari armati e non più di dieci turisti» e scattando una foto nei pressi del Palazzo Reale ha aggiunto «ambulanze pronte ad intervenire. Ma quanto sangue innocente dovrà scorrere ancora». Nei post precedenti anche accuse dirette al Ministro dell’Interno Angelino Alfano ed allo stesso Matteo Renzi, a chi chiedeva ‘quanto siano sicure le metropolitane in Italia‘ con associate immagini dell’entrata blindata di una fermata della metro di Bruxelles.

Mentre la politica italiana si ferma sconvolta in pochi giorni dalle molteplici tragedie, arriva il no al ricorso da parte del Tar della Campania presentato dal sindaco partenopeo , Luigi De Magistris, contro la nomina del commissario per la bonifica del quartiere periferico di Bagnoli. «L’azione del Comune e della Città non si fermerà di fronte a questo pronunciamento del Tribunale Amministrativo ma proseguirà davanti al Consiglio di Stato che potrà e dovrà riesaminare l’esproprio di democrazia rappresentativa compiuto ai danni della città e del suo organo elettivo, il Consiglio Comunale, oggi di fatto privato della possibilità di tutelare le scelte urbanistiche su Bagnoli e sulla zona occidentale della città. Difendiamo la città, sblocchiamo noi Bagnoli, la liberiamo dagli interessi speculativi e vinceremo alla fine questa battaglia» questo il commento del primo cittadino di Napoli che ha deciso di rivolgersi al Consiglio di Stato, continuando a combattere combattere fermamente per la querelle di Bagnoli.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->