giovedì, Giugno 24

Renzi e la D’Urso, coppia di fatto L’uomo giusto nel posto giusto. E se a Crozza gli rode…

0

renzi urso

Michail Gorbaciov al Festival di Sanremo, 25 febbraio 1999. Dal palco di Vola Colomba e Finchè la barca va, fortemente voluto da Fabio Fazio, rivolge generiche parole di buona volontà all’umanità intera. Un conto è sapere che l’Unione Sovietica è finita, un conto vedere lì il suo ex Comandante Supremo. Povero comunismo, se il suo ultimo Capo si è ridotto così..    

Silvio Berlusconi, metà maggio 1994. Dopo la trionfale vittoria alle elezioni di marzo, alle Camere, dai banchi del Governo, appena dopo aver giurato nelle mani del Capo dello Stato Oscar Luigi Scalfaro, pronuncia il discorso di insediamento. Un conto è sapere che ha vinto le elezioni, un conto vederlo lì, davvero in Parlamento, davvero Presidente del Consiglio. Povero Paese, se il tuo neoinsediato (e successivamente plurirecidivo) Capo del Governo, alla fine ti riduce così..

Visioni stranianti. Martedì sera Maurizio Crozza, dagli ormai abituali schermi de la 7, in di Martedì di Giovanni Floris, ha infierito sulla performance domenicale dell’attuale Presidente del Consiglio. «Matteo ha presentato la Legge di Stabilità dalla D’Urso. E’ come se Togliatti avesse presentato lo strappo con l’Urss al Musichiere». Premesso che Togliatti non ha mai strappato con l’Urss, ed il Memoriale di Jalta, fortemente critico, che stava scrivendo quando morì, venne reso pubblico successivamente dal PCI. Premesso che Togliatti se ne è andato il 21 Agosto 1964, ed il Musichiere si è concluso il 7 maggio 1960. Premesso, quindi, che se Togliatti avesse presentato personalmente il suo memoriale dopo morto, ed in una trasmissione inesistente, ancor oggi non si parlerebbe d’altro (vedi un po’ come la menano ancora con quell’altro messia, dopo duemila anni…).

Tutto ciò premesso Renzi da Barbara D’Urso, simpatetica coppia di fatto, non è affatto straniante. Neanche quando illustra, anticipandoli, passaggi fondamentali dell’attività del Governo che dovranno passare al vaglio delParlamento. Te l’aspetti, sembra (quasi) normale. Sembra, ed è, l’uomo giusto al posto giusto, è al posto suo, ci sta bene.

E ben ci sta. 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->