martedì, Gennaio 25

Regno Unito: ultimo party per Boris Johnson? Se Johnson ha mentito al parlamento sostenendo che le regole sono state seguite quando non lo erano, è una violazione del codice ministeriale che potrebbe richiedere le sue dimissioni

0

Boris Johnson è stato costretto a scusarsi con il parlamento il 12 gennaio quando non poteva più negare la chiara evidenza che il suo staff si era riunito in un grande gruppo nel giardino di 10 Downing Street mentre il Regno Unito era in stretto lockdown.

Secondo Paul Whiteley, politologo dell’University of Essex, «ci sono due aspetti della crisi costituzionale. La prima è la questione della menzogna in parlamento. Il premier sostiene che il raduno di maggio è stato un ‘evento di lavoro’ e quindi si potrebbe dire che ‘tecnicamente rientri nelle linee guida’ dell’epoca. Molti avranno accolto questa affermazione con notevole scetticismo, in particolare chiunque abbia subito accuse penali per aver incontrato altri all’esterno durante il periodo in questione. All’epoca, le persone potevano socializzare solo con un’altra persona al di fuori della loro famiglia quando si incontravano all’aperto. Gli incontri di lavoro di persona erano consentiti solo quando ‘assolutamente necessari’Se Johnson ha mentito al parlamento sostenendo che le regole sono state seguite quando non lo erano, è una violazione del codice ministeriale. In passato, questo reato non ha comportato solo le dimissioni dei ministri, ma anche l’espulsione totale dei parlamentari dal parlamento». Un esempio di questo – afferma Whiteley – sarebbe l’affare Profumo del 1963: quando John Profumo, il segretario di Stato per la guerra, ha mentito al parlamento sulla sua relazione extraconiugale con Christine Keeler, ha finito per dover lasciare il parlamento. Lo scandalo alla fine fece cadere il governo.

La seconda questione costituzionale riguarda «le indagini di polizia sul partito a Downing Street durante il lockdown di maggio 2020. Johnson ha ammesso di aver partecipato a questo evento durante le risposte del Primo Ministro il 12 gennaio. L’incontro ha avuto luogo quando il resto del Paese era strettamente bloccato. Ha affermato che la festa è stata un “evento di lavoro”, ma se l’indagine della polizia scopre che ha infranto le regole, significherebbe che Johnson e gli altri partecipanti stavano commettendo un reato penale. Mentire al parlamento o infrangere le regole di lockdown sono entrambi reati da dimissioni».

Detto questo, è probabile che le ricadute politiche della crisi incomberanno maggiormente. Il contraccolpo pubblico è evidente in un recente sondaggio pubblicato sull’Independent che ha mostrato che due terzi degli elettori pensano che Johnson dovrebbe dimettersi. I parlamentari conservatori ora sanno che Johnson non è più un vincitore delle elezioni ed è probabile che temino per la sicurezza dei loro seggi. Se il partito vuole riprendersi, dovrà fare i conti con questo fatto.

Attualmente è in corso un’inchiesta su quanto accaduto quel giorno ma, nel frattempo, è d’obbligo un ripasso su quali fossero la legge e le linee guida in quel momento. Il Regno Unito ha subito molte modifiche alla legislazione nei due anni della pandemia, quindi può essere difficile ricordare cosa fosse consentito quando. Se il primo ministro o la sua cerchia ristretta ha infranto la legge, chiaramente la posta in gioco in questa fila è ancora più alta.

Erano consentiti eventi di lavoro? argomento principale di Johnson nello spiegare cosa è successo il 20 maggio è che considerava il raduno in giardino un “evento di lavoro”. La legge all’epoca poneva restrizioni piuttosto severe agli “raduni pubblici“. Le riunioni di lavoro sono elencate in questa sezione e sono consentite solo se “essenziali”. Tuttavia, poiché 10 Downing Street non è uno spazio pubblico, le restrizioni sulle riunioni di lavoro previste da questi regolamenti non si applicano. I regolamenti ordinavano anche la chiusura della maggior parte delle attività commerciali e ponevano sostanziali restrizioni ad altre, il che significherebbe che gli eventi di lavoro non potrebbero verificarsi in questi luoghi. Anche in questo caso, tuttavia, queste restrizioni non si applicavano a 10 Downing Street.

Quindi quali regole si applicavano a 10 Downing Street? Secondo Greene, «normalmente, la legge definirà ciò che le persone non sono autorizzate a fare, piuttosto che ciò che le persone possono fare. Una ragione pratica di ciò è perché ciò che le persone non possono fare è di solito una categoria più piccola di ciò che le persone possono fare. L’ampiezza delle restrizioni sulla pandemia nel primo blocco ha ribaltato tutto questo. È diventato un reato per le persone lasciare la propria casa senza una scusa ragionevole e doveva essere prodotto un elenco non esaustivo di ciò che costituiva una scusa ragionevole. Poiché Johnson vive in 10 Downing Street, queste restrizioni non si applicherebbero a lui. Ma potrebbero rivolgersi ad altri che si sono recati al 10 di Downing Street espressamente per il raduno. Sebbene possano affermare che ciò costituisse un “viaggio per motivi di lavoro”, un’e-mail trapelata che sembra mostrare le persone invitate al raduno afferma che l’evento è stato organizzato per “trarre il massimo dal bel tempo” e “per avere alcuni drink socialmente distanziati”. È difficile sostenere che un tale evento fosse per “scopi di lavoro” e quindi un incontro legittimo».

Greene nota inoltre «che le norme sono state modificate poco dopo l’entrata in vigore per rendere reato il trovarsi “fuori” casa senza una giustificazione ragionevole. Ciò ha colmato una scappatoia che ha permesso alle persone che inizialmente avevano una scusa ragionevole di lasciare la propria casa di rimanere fuori casa una volta che questa scusa ragionevole non era più applicata. Pertanto una persona che si è recata al 10 di Downing Street per un lavoro essenziale avrebbe avuto una scusa ragionevole, ma una volta che questo lavoro essenziale è stato completato e ha partecipato a una riunione di lavoro non essenziale, non avrebbe più una scusa ragionevole. Abbiamo quindi la situazione in cui Boris Johnson potrebbe fare affidamento sul fatto che 10 Downing Street è il suo luogo di residenza mentre tutti gli altri presenti farebbero affidamento sul fatto che è un luogo di lavoro. Johnson potrebbe anche indicare il fatto che non ha inviato l’e-mail di invito, ma il fatto che sia stato inviato dal funzionario pubblico che gestisce l’ufficio privato di Johnson, insieme alla sua ammissione che “avrebbe dovuto rimandare tutti dentro” suggerisce di averlo fatto avere una certa autorità sull’evento».

Nel discutere questo problema, sottolinea Greene, «Johnson generalmente fa riferimento a “linee guida” piuttosto che a “regole” o “leggi”. Dal suo punto di vista, questo è comprensibile. Ignorare una linea guida è un’altra questione rispetto a infrangere una legge, specialmente per un uomo nella sua posizione. La principale risposta legale del Regno Unito alla pandemia è stata fornita in base a due atti legislativi: il Coronavirus Act 2020 di nuova creazione e il Public Health (control of disease) Act 1984, che è stato modificato per soddisfare le esigenze della pandemia. La maggior parte delle restrizioni di blocco dell’Inghilterra sono state effettivamente implementate ai sensi del Public Health (Control of Disease) Act 1984. Ciò conferisce al governo poteri sostanziali per emanare regolamenti per affrontare la diffusione delle malattie infettive. Tali regolamenti sono giuridicamente vincolanti e la loro violazione potrebbe comportare sanzioni. Infatti, il 13 maggio, appena una settimana prima del raduno di Downing Street, il governo ha rilasciato una dichiarazione in cui annunciava di aver aumentato le multe che sarebbero state inflitte per aver infranto le regole: “Le multe sono state aumentate e ora partiranno da £ 100, che saranno ridotte a £ 50 se pagate entro 14 giorni. Questo raddoppierà su ogni ulteriore infrazione ripetuta fino a £ 3.200”».

Le linee guida, peró – afferma l’analisi giurista – «non sono giuridicamente vincolanti e non dovrebbero andare oltre ciò che è legalmente in vigore. Ma durante la pandemia, molti governi, non solo nel Regno Unito, hanno fatto affidamento sull’emissione di consigli non legalmente vincolanti alle persone su come dovrebbero comportarsi. Tuttavia, l’uso da parte di Johnson della parola “guida” nel caso del raduno di Downing Street il 20 maggio 2020 è strano. Stare fuori casa senza una scusa ragionevole non era una semplice guida; era contro la legge. E mentre Boris Johnson può affermare di non essere mai uscito di casa, lo stesso argomento non può essere sostenuto per i partecipanti all’evento che non vivevano al 10 di Downing Street. E anche se, in qualche modo, questo raduno non era rigorosamente contro le leggi, è difficile vedere come fosse in linea con le linee guida del governo dell’epoca. Solo i partecipanti necessari avrebbero dovuto partecipare alle riunioni e, anche in quel caso, avrebbero dovuto mantenere una distanza di 2 metri per tutto il tempo. Le linee guida consigliavano inoltre che i luoghi di lavoro dovrebbero ridurre il numero di contatti che una persona ha utilizzando “team fissi” o “collaborazione” con le persone. È quindi quasi impossibile vedere come un invito a un evento di lavoro sia circolato tra 100 persone allineate con questi criteri».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->