martedì, Dicembre 7

Regno Unito: David Amess, Jo Cox e il problema della sicurezza del collegio elettorale locale L’analisi di Alasdair Booth, Loughborough University

0

La polizia metropolitana ha confermato che stanno trattando l’attacco che ha ucciso il deputato conservatore Sir David Amess il 15 ottobre come terrorismo. Un uomo di 25 anni è stato arrestato sulla scena della morte di Amess, la chiesa metodista di Belfairs a Leigh-on-Sea, nell’Essex.

Amess, il membro conservatore del parlamento di Southend West, stava usando la chiesa per tenere un intervento chirurgico nel collegio elettorale. Questi incontri – a volte chiamati interventi di chirurgia politica – costituiscono il fondamento della democrazia britannica. Consentono agli elettori di impegnarsi direttamente con i parlamentari che eleggono. È la loro opportunità di sollevare e discutere questioni che contano per loro.

Sebbene gli attacchi ai parlamentari nel Regno Unito siano rari, cinque sono stati uccisi mentre erano in carica dal 1979, principalmente in incidenti terroristici legati ai Troubles in Irlanda del Nord. In questo periodo sono stati apportati miglioramenti significativi alle misure di sicurezza in atto presso le Houses of Parliament di Westminster.

All’inizio degli anni 2000, sono stati posizionati blocchi di cemento all’esterno per impedire ai veicoli ostili di introdurre ordigni esplosivi in ​​parlamento. A causa della minaccia rappresentata dai gruppi terroristici internazionali, nel corso degli anni sono apparse misure di sicurezza più permanenti, sia all’interno che intorno alle Camere del Parlamento. Questi formano quella che è diventata nota come la zona di sicurezza del governo, che comprende Whitehall, sede di molti dipartimenti governativi, e le Camere del Parlamento. Le linee di dissuasori di sicurezza e balaustre di sicurezza sono evidenti e sono diventate caratteristiche quotidiane. La polizia armata è una presenza costante.

Avere una serie di misure in atto consente alla polizia e alle autorità di sicurezza di rispondere rapidamente a una minaccia terroristica per proteggere il patrimonio parlamentare. È stata anche chiaramente presa la decisione che la sicurezza dovrebbe essere molto visibile. È diventato molto più difficile entrare in parlamento come visitatore e spostarsi nell’area ti condurrà attraverso vari apparati di sicurezza, anche se non hai intenzione di entrare in alcun edificio governativo.

E nonostante l’importante apparato di sicurezza, i terroristi hanno ancora preso di mira l’area intorno a Westminster, anche nel 2017, quando un uomo ha investito dei pedoni con la sua auto prima di pugnalare e uccidere un ufficiale di polizia di stanza fuori dal parlamento. Questo attacco ha portato a un’ulteriore revisione della sicurezza.

Sicurezza oltre Westminster

Mentre la sicurezza è stata notevolmente rafforzata intorno a Westminster, la questione di cosa fare nei collegi elettorali locali ha sollevato una serie diversa di questioni.

Quando la deputata laburista Jo Cox è stata assassinata nel suo collegio elettorale nel West Yorkshire nel 2016, è stata data maggiore attenzione alla sicurezza dei parlamentari lontani dal parlamento. La polizia ha lanciato l’Operazione Bridger, un’operazione di sicurezza protettiva nazionale specificamente progettata per migliorare la sicurezza dei parlamentari. A tutti i parlamentari è stata successivamente offerta una sicurezza aggiuntiva negli uffici e nelle case del loro collegio elettorale, compreso l’uso di allarmi antipanico e illuminazione extra.

Ma una parte fondamentale del ruolo di un deputato, come rappresentante eletto della popolazione locale, è quello di essere accessibile agli elettori. Il lavoro include il tempo trascorso nella propria comunità rispondendo ai suoi bisogni. Non è semplicemente una vita trascorsa nei corridoi del potere.

E anche migliorare la sicurezza negli uffici elettorali non è una panacea. Non tutti gli interventi chirurgici si svolgono negli uffici dei parlamentari o nelle loro case. I parlamentari locali devono spostarsi nelle loro aree per consentire alle persone di incontrarli. In pratica, ciò significa spostarsi tra edifici pubblici, come chiese e sale della comunità, come è stato per Amess quando è stato attaccato. Questi edifici spesso hanno poca o nessuna sicurezza e raramente sono progettati per affrontare minacce terroristiche come attacchi di veicoli o armi.

Tuttavia, è necessario trovare un equilibrio per garantire che i parlamentari siano sufficientemente protetti e possano continuare a svolgere il loro lavoro.

Il ministro dell’Interno ha annunciato che tutte le forze di polizia riesamineranno le disposizioni di sicurezza dei parlamentari nelle loro aree locali con effetto immediato. È probabile che saranno necessarie ulteriori misure di sicurezza per rassicurare i parlamentari ma anche, dopo questo caso, per rassicurare gli elettori che è sicuro andare in un intervento chirurgico elettorale per parlare con il loro parlamentare.

Le misure potrebbero includere la revisione della sicurezza fisica nelle sedi esistenti e nei luoghi generali in cui si svolgono gli attuali interventi chirurgici dell’elettorato. Un’altra opzione potrebbe essere l’introduzione di personale di sicurezza privato in uniforme visibile o agenti di polizia in alcuni ambulatori elettorali. Questo potrebbe aiutare i visitatori a sentirsi al sicuro. Tuttavia, alcune misure di sicurezza possono avere l’effetto opposto, creando invece un clima di paura del terrorismo e potrebbero potenzialmente impedire alle persone di partecipare a interventi chirurgici.

Potremmo anche vedere processi di sicurezza e procedure amministrative più robusti. Agli elettori potrebbe essere chiesto di sottoporsi a una ricerca prima di entrare in un intervento chirurgico o passare attraverso uno scanner. Potrebbero persino essere invitati a sottoporsi a controlli e convalida quando prenotano un appuntamento con il loro parlamentare locale.

Ma qualsiasi misura ha un costo potenziale in termini di mantenimento dell’apertura democratica. Inoltre richiedono necessariamente finanziamenti. Questo pone il problema di come verranno pagate le misure extra. È improbabile che i singoli parlamentari siano in grado di finanziarlo da soli con i budget esistenti.

Tuttavia, le disposizioni in materia di sicurezza devono essere considerate con attenzione e bilanciate rispetto alle minacce percepite. L’omicidio di David Amess serve come un duro promemoria della minaccia che può essere posta ai parlamentari che si occupano dei loro affari. Nonostante i progressi compiuti sulla sicurezza dei parlamentari dall’omicidio di Jo Cox nel 2016 e gli investimenti in sicurezza aggiuntiva, è evidente la necessità di rivisitare gli attuali accordi di sicurezza con maggiore attenzione alla sicurezza dei parlamentari nei collegi elettorali locali.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->