venerdì, Settembre 24

Regno Unito, a Brighton la torre dei record

0

E’ stata inaugurata lo scorso giovedì a Brighton, località poco distante da Londra, la torre che presenta ben due record mondiali: è la più sottile e la più alta del mondo. Misura appena 4,6 metri di diametro ed è alta 162 metri. Inoltre, la capsula in vetro è dieci volte più grande di quella del London Eye, la nota ruota panoramica presente nella città di Londra, può ospitare fino a 200 persone e salire per 50 piani, fino a 138 metri di altezza. La struttura, sponsorizzata dalla British Airways, si chiama British Airways i360.

La cittadina marittima di Brighton è la destinazione più visitata nel sud est e attrae 11 milioni di visitatori all’anno, di cui più di un milione solo per le vacanze estive. Per questo motivo è stato scelto il mese di agosto per inaugurare la torre, che permetterà ai turisti di ammirare Brighton da una nuova prospettiva: infatti permette di camminare nell’aria. Gli ospiti entreranno in una capsula di vetro grande 18 metri e saliranno con questa sorta di funivia verticale per vedere a 360 gradi tutta la bellezza di Brighton, della costa del Sussex e del Canale della Manica.

A progettarla sono stati i coniugi David Marks e Julia Barfield, gli stessi architetti del London Eye. Gli organizzatori sperano di attrarre almeno 700.000 visitatori all’anno e generare così un giro d’affari di circa 42 milioni di dollari ogni anno. All’interno della capsula è presente uno Sky Bar, mentre ai piedi della torre ci sono bar e ristoranti con vista sulla spiaggia.

https://youtu.be/EvbrPdAfL_A

 

(video tratti dai canali YouTube di Al Jazeera e Press Association)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->