giovedì, Maggio 6

Regina Elisabetta, tra Brexit, terrorismo e prese in giro

0

«La priorità del mio governo è quella di ottenere il miglior accordo possibile nel momento in cui il Paese lascia l’Unione europea, i miei ministri si impegnano a lavorare per costruire il più ampio consenso possibile riguardo al futuro del Paese fuori dell’Unione». Era inevitabile che nel Queen’s Speech la regina Elisabetta non parlasse di Brexit, l’argomento che sta ormai caratterizzando la vita politica della Gran Bretagna dallo scorso anno.

Tra le leggi che sarà necessario modificare il ‘repeal bill’, con cui sarà abrogato l’European Communities Act del 1972. Una legge riguarderà poi le regole doganali per consentire al Regno Unito di ridisegnare le sue tariffe dopo la Brexit. Poi l’attenzione si è spostata sulla sicurezza, con la Regina Elisabetta che ha affermato che il governo britannico rivedrà la sua strategia anti-terrorismo e che l’obiettivo è di «sradicare estremismo in tutte le sue forme, anche online».

La regina ha ricordato che il Regno Unito lavorerà per trovare «soluzioni politicamente sostenibili ai conflitti» e «affrontare i problemi del terrorismo alla fonte, in particolare distruggendo Daesh in Iraq e Siria. Come membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il Regno continua ad impegnare una parte del suo pil per lo sviluppo internazionale e a perseguire le attività per aumentare la sicurezza globale proiettando i valori britannici in tutto il mondo».

Ma la Regina Elisabetta, senza il marito, il principe Filippo, ricoverato per alcuni problemi di salute (al suo posto il principe Carlo), anche la derisione da parte del Parlamento. O quantomeno di uno dei suoi membri, Dennis Skinner, deputato laburista che siede ai Comuni dagli anni ’70, che ha suscitato l’ilarità dei colleghi quando questi sono stati chiamati a raggiungere la Camera dei Lord per ascoltare il Queen’s Speech. Skinner infatti ha esortato i suoi colleghi dicendo: «Muovetevi, la prima corsa è alle due e mezza!», facendo riferimento alla nota passione della regina per le corse dei cavalli e all’annunciata partecipazione nel pomeriggio all’evento in programma nell’ippodromo di Ascot. Il segno dei tempi (decadenti).

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->