martedì, Settembre 21

Regina Elisabetta neutrale sulla Brexit field_506ffbaa4a8d4

0

Durante la cerimonia di apertura del Parlamento, a Westminster, per illustrare il programma del Governo dei prossimi 12 mesi, la Regina Elisabetta ha tenuto un discorso nel quale sono stati toccati temi molto importanti: dalla riforma di David Cameron per le carceri britanniche, alla Brexit.

La Regina ha sostenuto la riforma nell’esecuzione delle pene, che permetterà a un maggior numero di detenuti di lavorare fuori dal carcere, dichiarando che questa riforma potrà «offrire una seconda possibilità» a chi commette un reato. La Sovrana ha anche illustrato un programma legislativo nel quale sarà offerta grande autonomia agli istituti detentivi, chiusi quelli inefficienti e costruite nuove strutture con innovativi programmi di reinserimento in società. Non sono mancate le promesse di una serie di misure in ambito sociale e nel settore dell’istruzione.

Importante la sua neutralità sulla Brexit, ovvero sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea che potrebbe essere sancita dal referendum del prossimo 23 giugno. Si sa, tra l’isola britannica e l’UE non c’è mai stato un grande amore, però uscire dall’UE non sarebbe certo un passo semplice per l’isola: significherebbe, innanzitutto, un progressivo isolamento per il Paese, dalle decisioni importanti in materia economica e geopolitica. Il Premier Cameron, intanto, non sembra totalmente convinto della Brexit e non tardano a piovere le polemiche.

Nel frattempo, avanza il fronte del ‘no’ alla Brexit ed aumenta lo scarto rispetto a quanti sostengono l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Questo, secondo un sondaggio condotto dall’istituto YouGov per il ‘Times’, che vede il 44% degli interpellati a favore della permanenza del Regno Unito nell’Ue, contro il 40% di contrari.

(Video tratto dal canale Youtube: euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->