martedì, Ottobre 19

Regalo di Parigi: armi e munizioni in Congo, destinazione Burundi

0
1 2


Tutto inizia a Goma, capoluogo della provincia del Nord Kivu, est del Congo, il 30 marzo 2017, quando le autorità congolesi scoprono un grosso quantitativo di armi presso un deposito di proprietà di un belga burundese residente a Bruxelles. La scoperta è stata preceduta da una segnalazione anonima alla Polizia e ai responsabili della missione di pace ONU in Congo, MONUSCO. Le armi e munizioni scoperte valevano circa 450.000 euro, secondo le stime fatte dagli esperti sulla base dei valori di vendita del mercato internazionale di armi. Il deposito bellico scoperto conteneva armi di fabbricazione russa.
Le armi sono state requisite e le autorità congolesi affermano di avere le prove del destinatario finale: il  Movimento Nazionale Burundese MNB Abuguruburundi. Nessuna smentita è giunta dal MNB, in quanto questo movimento ribelle è stato sciolto nel 2013, dopo tre anni di infruttuosa lotta contro il partito al potere, il CNDD-FDD, lotta iniziata dopo le elezioni farsa del 2010. Le autorità congolesi hanno affermato che il MNB è stato rianimato per abbattere il Governo di Nkurunziza e le sue basi si troverebbero all’est del Congo. Affermazioni non supportate da prove. La notizia del deposito d’armi scoperto a Goma passa inosservata sui media anche africani e viene riportata solo su alcuni blog tra i quali ‘Veritas – Burundi‘, un sito di propaganda vicino al CNDD-FDD.  Secondo le informazioni fornite dalla Polizia congolese le armi scoperte nel deposito a Goma proverebbero dalla provincia del Katanga. Le rari fonti di informazioni concordano sul destinatario delle armi: la ribellione burundese.
Una versione più complessa emerge dalle informazioni ricevute da fonti protette a Goma e Bukavu, capoluogo di provincia del Sud Kivu, est del Congo, fonti interne alle Forze Armate e al Governo congolese. Le informazioni, dopo essere state confrontate e analizzate, convergono nel dichiarare che il deposito di armi scoperto a Goma non era destinato alla ribellione burundese. Il contenuto rinvenuto nel deposito a Goma sarebbe solo una parte di una grossa consegna pagata dalla Francia e destinata la regime di Nkurunziza. Il grosso della partita sarebbe già stato trasferito da Goma a Bukavu, in attesa di inviarlo in Burundi. L’operazione sarebbe stata gestita lo scorso marzo. Il finanziatore sarebbe la Francia e le armi comprate in Russia, fatte pervenire in Congo passando da Angola e Katanga. Nel deposito a Goma sarebbe stato scoperto solo il residuo di questa consegna di armi, a causa di una soffiata di notizie probabilmente nata all’interno dell’Esercito congolese o della missione MONUSCO, costringendo le autorità a intervenire.

Parigi e Kinshasa avrebbero attivato subito un blackout out informativo per non attirare l’attenzione pubblica internazionale su questa consegna che si ipotizza avere un valore di 1,5 milioni di dollari. Solo alcuni siti  vicini al regime burundese hanno fatto trapelare la notizia (affermando che le armi erano destinate alla ribellione) ma subito sono stati richiamati all’ordine. Dopo le prime fughe di notizie, il regime burundese avrebbe imposto il segreto di Stato.

Le armi in attesa di trasferimento in Burundi sarebbero, per la maggior parte, custodite presso l’aeroporto distrettuale di Kavumu, Bukavu, sotto controllo dei caschi blu della MONUSCO. Le armi del deposito scoperto a Goma sarebbero sparite, forse inviate a Bukavu. La consegna del arsenale bellico al regime sarebbe prevista tra questa e la prossima settimana. L’obiettivo è quello di garantire le condizioni, alle forze lealiste di Nkurunziza e ai terroristi ruandesi FDLR, per poter respingere una eventuale offensiva militare dell’opposizione armata, appoggiata da Washington, Londra, Tel-Aviv e da potenze regionali.

Le informazioni provenienti da fonti protette sono considerate dalla Redazione di ‘L’Indro‘ come credibili, e mettono in risalto il doppio gioco francese adottato nella crisi burundese. Presa di distanze e condanne formali,  appoggio politico e militare al regime dietro le quinte. Il finanziamento militare francese è in atto dal settembre 2015, e coinvolge Russia, Angola e Congo. La Russia, che ha i suoi depositi militari pieni di arsenale bellico sovietico, vende alla Francia le armi  destinate al Burundi, applicando il 20% di sconto. Parigi organizza il trasporto passando dall’Angola, il Congo, oltre a fornire  le necessarie coperture politiche e mediatiche, assicura il supporto logistico anche grazie ai caschi blu ONU. Alcuni esperti regionali considerano criminale fornire armi ad un regime che, a più riprese, ha reso pubbliche le sue intenzioni genocidarie fin dal novembre 2015.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->