giovedì, Settembre 16

Record: l’ uomo più alto e la donna più bassa del mondo Si chiamano Sultan Kosen e Jyoti Amge e sono alti 2,43 metri e 62,8 centimetri

0

Jyoti Amge e Sultan Kosen si trovano in Egitto, alle Piramidi di Giza, come sponsor del turismo nel Paese. Sono l’ uomo più alto e la donna più bassa del mondo e questo li rende titolari del guinness dei record.

La donna più bassa del mondo è Jyoti Amge, una giovane indiana nata nel 1993 e affetta da una forma di nanismo che interrotto la sua crescita all’età di 4 mesi. Alta 62,8 centimetri, Jyoti Amge ha recitato nella serie tv American Horror Story, ha partecipato a Lo show dei record e si è laureata in Letteratura presso l’Università di Nagpur.

Sultan Kosen è un contadino trentacinquenne turco alto più di 2,40 metri. La sua altezza di 2,43 metri di altezza lo ha reso vincitore, nel 2011, del guinness del record dell’altezza fino ad allora nelle mani del cinese Xi Sun. Inoltre, se ciò non bastasse, Sultan ha le mani più grandi del mondo.  Ma è riuscito a fermare la sua crescita due anni fa con un trattamento ormonale che gli ha salvato la vita, dal momento che il suo scheletro non sarebbe stato in grado di sostenerlo se avesse continuato a crescere.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->