sabato, Settembre 25

Reattori nucleari: Francia pronta a chiuderne 17 entro il 2025

0

La Francia è pronta a chiudere 17 reattori nucleari da qui al 2025. Lo ha annunciato, parlando con la radio Rtl, il ministro per la Transizione ecologica francese, Nicolas Hulot. Il motivo è presto detto: ridurre del 50% la quantità di energia elettrica prodotta attraverso il nucleare, secondo l’obiettivo confermato nelle settimane scorse dal presidente Emmanuel Macron. Il ministro non è entrato nel dettaglio di quelli che potrebbero essere i reattori nucleari interessati. In Francia ci sono un totale di 58 reattori nucleari suddivisi fra 19 centrali.

Ridurre la quota del nucleare era un obiettivo della precedente amministrazione Hollande, incluso nella legge di transizione energetica; l’obiettivo è stato però riconfermato dall’esecutivo di Macron. Lo scorso giovedì, il ministro francese ha presentato un ambizioso progetto ambientale per il prossimo quinquennio che prevede il divieto di vendere automobili a gasolio o diesel entro il 2040. Per quanto riguarda il carbone, la Francia prevede invece di interrompere la produzione di elettricità con questo carburante da qui al 2022.

E si punta decisamente sulle energie rinnovabili, tanto che l’obiettivo è quello di accrescere il suo peso relativo al 32% entro il 2030.

(video tratto dal canale Youtube di France 24)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->