lunedì, Ottobre 18

Raqqa, battaglia tra le macerie I miliziani Daesh hanno ammassato centinaia di famiglie all’interno dello stadio di calcio

0

Continua la battaglia di Raqqa. Le SDF stanno combattendo contro l’Isis ad al-Firdous per non perdere il quartiere appena conquistato. Intanto, i miliziani Daesh hanno ammassato centinaia di famiglie all’interno dello stadio di calcio. In molti si erano rifugiati all’interno della struttura, in attesa dei combattenti siriani. Ma lo Stato Islamico lo è venuto a sapere e si è schierato in massa nella zona, per usare i civili come scudi umani. Al momento sono in corso i preparativi per una operazione che porti in salvo il maggior numero di abitanti.

Nel frattempo Human Rights Watch mette nel mirino le operazioni della Coalizione a guida Usa impegnata contro il terrorismo. Secondo l’osservatorio per i diritti umani, sarebbero stati uccisi almeno 84 civili, tra cui 30 bambini nel corso di due attacchi aerei operati sui cieli di Raqqa a marzo.

 

Continuano poi le manovre nel resto del Paese. Le SDF avanzano ad As Suwar, mentre il SAA a Deir ez-Zor. L’isis però in uno dei contrattacchi ha ucciso il generale russo Valeriy Asapov della Quinta armata dell’esercito, insieme a 2 colonnelli e al suo interprete. L’alto ufficiale era uno degli stretti consiglieri di Putin.

(video tratti dai canali Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->