giovedì, Ottobre 21

Rapporto nutrizione globale 2015: che novità? field_506ffb1d3dbe2

0

Il Rapporto nutrizione globale 2015 è una pagella sul mondo della nutrizione a livello globale, regionale, e sugli sforzi per migliorarla. Il report valuta i progressi dei Paesi rispetto agli obiettivi nutrizionali globali, stabiliti dall’Assemblea mondiale della sanità. Documenta quanto incisivi sono stati i paesi donatori, le organizzazioni non governative, e le imprese a margine del  vertice sulla crescita tenutosi nel 2013. Precisa, inoltre, le azioni che si sono dimostrate efficaci nella lotta contro la malnutrizione in tutte le sue forme. Il rapporto 2015 evidenzia che il progresso globale per ridurre la malnutrizione è stato lento e irregolare. Quasi la metà di tutti i Paesi affrontano gravi oneri a causa della malnutrizione registrata nella popolazione infantile in deficit di micronutrienti. Il tutto comparato alla popolazione  adulta in condizioni di  sovrappeso e obesità. Nessun Paese è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi nutrizionali globali stabiliti dall’Assemblea mondiale della sanità. Questa la conclusione. Alcuni Paesi, tuttavia, hanno fatto notevoli progressi e la relazione cerca di comprendere i fattori che hanno contribuito al miglioramento.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘IFPRI’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->