martedì, Ottobre 19

Rai: tre convegni per innovare La sintesi di Umberto Paolucci, Vicepresidente Microsoft

0

Umberto Paolucci

Prestigioso Convegno Rai: ‘Mission, Independence, and Governance of Public Broadcasters: the European Experience‘, aperto dal Presidente, Anna Maria Tarantola, concluso il Direttore Generale, Luigi Gubitosi. Il primo di tre appuntamenti, che verteranno poi sulle questioni cruciali dell’Offerta editoriale e della Innovazione tecnologica.

E la questione dell’Innovazione è stato il fil rouge della giornata di riflessione ed analisi, tenutasi a Roma in uno dei luoghi storici dell’elaborazione del pensiero e della impostazione dell’azione, la gesuitica Università Gregoriana. Proprio nella Sala Loyola si sono alternati il Presidente del Parlamento Europeo, Martin Shultz, con un videomessaggio, il Giudice Costituzionale ed ex Presidente del Consiglio Giuliano Amato, il sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni Antonello Giacomelli. esperti europei al più alto livello, come Graham Ellis della BBC, Viviane Reding, già Vicepresidente della Commissione Europea, Ulrich Wilhelm, Direttore Generale dell’ARD, Maarten van Aalden, già Presidente della Stampa Estera in Italia.

Essendo stato sviscerato nel dettaglio come operare in maniera innovativa nei campi in questione, è risultato evidente quanto affermato a suo tempo, e recentemente ribadito, da Umberto Paolucci, già nel Board dei Vicepresidenti mondiali di Microsoft.O si fanno convegni sull’innovazione, o si fa l’innovazione.     

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->