domenica, Maggio 9

Rai: poteva pure andare peggio field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Scopriamo adesso che Matteo Renzi fa quello che gli pare nella politica italiana. Scopriamo adesso che in Rai ci sono i lottizzati. Scopriamo adesso che i partititi mettono chi pare loro. Scopriamo adesso l’acqua calda.

 

C’è talmente tanto di notizie e riflessione su quanto è avvenuto e sta avvenendo in Rai che fornire un valore aggiunto diviene difficile. E se il primo tweet della neopresidente Monica Maggioni è per il Premier («Ringrazio tutto il CDA Rai e Matteo Renzi per la fiducia data»), che è tra i principali sponsor della sua nomina, c’e pure il gradimento, non piccolo, di Silvio Berlusconi. E mentre il nuovo CDA si riunisce con all’ordine del giorno la nomina del Direttore Generale che succederà a Luigi Gubitosi, il cui mandato è appena scaduto, nuvole di tempesta incombono. Nella prospettiva di lavoro dei nove componenti del Consiglio anche la nomina del Direttore ad interim di RaiNews24, in sostituzione proprio della Maggioni. In ottima posizione c’è Lucia Goracci, inviata di guerra con esperienza specie nelle aree mediorientali. Poi la partita dei Vice Direttori Generali, con Giancarlo Leone, attuale direttore di Rai1, in grandissima ascesa. Da sempre, ché ormai si sarà pure scocciato di ascendere e non riuscire mai a toccare le vere vette della guida Rai. A lui la ‘guida generale’ del prodotto tv. Mentre Luigi De Siervo, Amministratore Delegato di Rai Com, si dirige verso l’area commerciale. È intimo del ‘fiorentino’, stava in stand by da tempo in attesa di promozione.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->