venerdì, Settembre 17

Ragusa: 'A tuttto volume' con la letteratura

0
1 2


Non solo i libri e gli autori saranno i protagonista della kermesse ‘A tutto volume‘ ma la città stessa sarà cornice e protagonista della manifestazione.

Alessandro Di Salvo, ideatore e organizzatore della manifestazione racconta il suo percorso e come la città vive da ormai sette anni questa esperienza.

Di Salvo come è nata questa idea?

Il festival è nato sette anni fa. Io ho visitato molti festival letterari, da quello di Torino ad altri magari meno conosciuti ma pur sempre importanti. Dopo un po’ di tempo ho decido di realizzare nella mia città, Ragusa, un festival un po’ diverso dagli altri infatti si sviluppa nelle strada e non negli stand come avviene per altri festival, sfruttando così il clima gradevole di giungo e le bellezze della città.

Il festival infatti si svolge per le strade?

Si, ci sono degli appuntamenti cadenzati e gli autori presentano i loro lavori nelle vie più caratteristiche delle città iblea.

E’ anche un modo per far conoscere la città?

Si, Ragusa una cittadina barocca, caratteristica e portare gli autori dentro il cuore della città porta anche turismo. Oltretutto i libri sono i protagonisti della festival ma, allo stesso tempo i turisti che arrivano da tutte le parti d’Italia possono ammirare le nostre coste, i nostri prodotti tipici, nn solo ragusani ma anche delle altre città. I nostri formaggi buonissimi, ma anche il cioccolato di Modica che ormai è famoso in tutta Italia e poi le bellezze del territorio. Inoltre nella tre giorni di manifestazione grandi autori passeggeranno nella nostre strade ed è un modo per avvicinare il ‘grande personaggio’ se così vogliamo definirlo, alla gente comune.

Un festival nel festival. Non solo autori siciliani giusto?

Cerchiamo di valorizzare tutto il territorio e tutte le ‘bellezze’ che la Sicilia offre, dall’architettura, al cibo, i vini, e la letteratura. Il nostro programma prevede autori siciliano, come può essere la Seminara o Bruschetta e autori non siciliani che hanno deciso e voluto credere nella nostra manifestazione.

Oltre al festival letterario e alle presentazioni dei libri c’è anche una sezione chiamata ‘extra volume’ cos’è?

E’ uno spazio che abbiamo voluto regalare all’interno del fine settimana di manifestazione dove la cultura nasce in modo quasi spontaneo.

In questa settima edizione la sezione ‘extra volume’ troviamo autori come Eduardo Savarese, il magistrato che con la casa editrice E/O ha pubblicato il testo ‘Lettera di un omosessuale alla chiesa cattolica‘. Ma non solo autori contemporanei, nella sezione ‘extra volume’ si ricordano anche autori del territorio siciliano come Luigi Capuana che ha fatto grande il territorio dell’isola con i suoi romanzi.

Tra pochi giorni tantissimi giornalisti, filosofi e autori si catapulteranno a Ragusa per un festival che quest’anno prevede ben cinque sezioni: in dialogo, in cucina, in scena, in favola, in cattedra. Tra i tanti dibattiti anche Gesù, la Chiesa, l’omosessualità.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->