lunedì, Agosto 15

Ragioni dell’adesione di Australia e Gran Bretagna al Trattato AUKUS Ecco la possibile posizione di Cina e Russia, soprattutto considerando la crisi in Ucraina, mentre espone il motivo della scelta americana di Australia e Gran Bretagna di cooperare

0

Nell’ultimo decennio, soprattutto nei due anni precedenti dopo l’epidemia di COVID-19 e la crisi ucraina, la Cina ha rapidamente accresciuto la sua potenza economico-militare e, di conseguenza, la sua posizione nel sistema internazionale. La Cina ora ha la seconda economia più grande del mondo e la terza potenza militare con armi nucleari. Questa tendenza ha portato gli Stati Uniti a rallentare questo processo e a ridurre l’influenza della Cina per mantenere la propria posizione. Gli Stati Uniti affermano da tempo che intendono spostare la propria attenzione dall’Asia occidentale all’est del continente, sebbene fino ad oggi siano stati lenti.

Le relazioni USA-Cina sono state relativamente incontrastate fino alla fine della presidenza di Barack Obama. Ma con l’avvento al potere di Donald Trump, che ha basato parte della sua campagna sulla Cina, la situazione è cambiata completamente. Durante l’amministrazione Donald Trump, è stata lanciata una guerra tariffaria contro Pechino e Washington ha anche imposto sanzioni ad alcuni individui ed entità cinesi. Anche la Cina ha risposto imponendo dazi. La Cina sperava di allentare le tensioni mentre Trump se ne andava. Con l’avvento di Biden, non solo questa tensione non è diminuita, ma i Democratici hanno anche usato la questione uigura come leva per controllare e limitare la Cina. A seguito di questo processo, gli Stati Uniti hanno stipulato un patto tripartito con Australia e Gran Bretagna per controllare la Cina, che ha anche causato molte polemiche in tutto il mondo. Ora che sono trascorsi circa otto mesi dalla conclusione di questo contratto, è necessario affrontare la questione in un’atmosfera lontana dal fermento mediatico. Questo articolo cerca di spiegare la possibile posizione di Cina e Russia, soprattutto considerando la crisi in Ucraina, mentre espone il motivo della scelta americana di Australia e Gran Bretagna di cooperare.

Indubbiamente, lo scopo principale di questo trattato è che gli Stati Uniti intendano continuare il loro assedio strategico contro la Cina nell’Asia orientale. Avevano già un formato per il contenimento politico-militare della Repubblica popolare cinese, composta da Stati Uniti, Australia, Giappone e India (QUAD). Ora è stato aggiunto un nuovo formato anglosassone. Gli Stati Uniti, l’Australia e il Regno Unito (AUKUS) hanno annunciato l’intenzione di cooperare su questioni politiche, partecipare alla ricerca sulla difesa e fornire sicurezza nella regione indo-pacifica. La prima azione congiunta dei membri del patto è stata la fornitura di sottomarini nucleari australiani, che avrebbero dovuto spostarsi, soprattutto nelle acque del Mar Cinese Meridionale. L’Australia ha anche annullato un accordo sottomarino con la Francia per firmare il patto, facendo arrabbiare Parigi.

Perché Australia e Gran Bretagna aderiscono al Trattato di sicurezza AUKUS

La risposta a questa domanda è che gli americani sono andati solo in paesi che prevedevano il pieno rispetto delle politiche statunitensi. Dopo aver lasciato l’Unione Europea, la Gran Bretagna ha cercato di ripristinare la sua grandezza globale, che, secondo Londra, potrebbe essere raggiunta solo con la politica estera degli Stati Uniti; Pertanto, gli inglesi osserveranno rigorosamente la disciplina desiderata. La prova di ciò può essere vista nel sabotaggio in corso della Gran Bretagna e nelle azioni anti-russe nella crisi ucraina. Anche gli australiani non avranno problemi. Anche se la Cina rimane e rimane il principale partner commerciale della Cina, Canberra ora si sente come un topo da laboratorio sulla base del quale Pechino sta formulando nuovi principi per le sue relazioni con l’Occidente.

Nel caso della Francia e di altri importanti paesi dell’UE, come la Germania, la loro fedeltà alle politiche statunitensi non è del 100%. Sebbene Francia e Germania si uniscano a varie dichiarazioni di avvertimento contro la Cina, non hanno fretta di trasformarle in conseguenze economiche. Ciò significa che la non conformità del 100% può essere riscontrata anche nel caso dell’Ucraina. Discutendo della crisi ucraina, la Francia, a differenza della Gran Bretagna, ha cercato di prevenire la guerra fino agli ultimi giorni. E la Germania è uno dei paesi europei che ha mostrato il minimo interesse per l’embargo russo su petrolio e gas e la maggiore resistenza all’invio di attrezzature pesanti in Ucraina.

La posizione di Cina e Russia

Le azioni della Cina negli ultimi anni riflettono il fatto che la Repubblica popolare cinese sta perseguendo una politica estera molto cauta e sta cercando di evitare il più possibile qualsiasi tensione. Ora, tuttavia, il livello di tensione sembra essere aumentato a tal punto che la Cina, come una guerra tariffaria, deve rispondere. È anche probabile che la Cina condanni le azioni statunitensi nella regione firmando accordi simili con paesi come la Russia, conducendo esercitazioni congiunte e risolvendo controversie con paesi del sud-est asiatico come il Vietnam per prevenire un’ulteriore influenza degli Stati Uniti. Per quanto riguarda la Russia, va detto che gli interessi della Russia sono del tutto in linea con AUKUS. Più gli Stati Uniti fanno pressione sulla Cina, più Pechino si attacca alle sue relazioni con la Russia e alla cooperazione commerciale, militare-sicurezza-politica con la Russia. Questo problema è diventato più critico a causa della pressione delle severe sanzioni imposte all’Ucraina dopo l’inizio delle operazioni speciali. La Russia, ad esempio, potrebbe sostituire l’Australia nella fornitura di diversi minerali e minerali al mercato cinese. Pertanto, i funzionari russi stanno formalmente criticando gli Stati Uniti per l’escalation delle tensioni, ma in realtà è probabile che apprezzino Biden.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Amin Bagheri è membro dell'Iranian International Studies Association di Teheran.

End Comment -->