lunedì, Maggio 16

Quello che … Quello che ancora oggi è per noi tutti inspiegabile, è dato dal fatto che ciò è umanamente impossibile da capire…

0

Quello che lascia ancora l’amaro nella nostra bocca, non è solo stato provocato dal fatto che nei millenni son sempre esistitiuomini che hanno ammazzato altri uomini.

Quello che fa ancora tremare le nostre labbra, non è solo stato provocato dall’essere stati rapiti dalla propria vita e dalla propria casa per un illusorio viaggio di paure e di speranze.  

Quello che lascia ancora sbalorditi i nostri occhi, non è stato solo provocato dall’aver visto uomini, donne. vecchi e bambini che han pagato per colpe inesistenti.

Quello che fa ancora rabbrividire la nostra pelle, non è solo stato provocato dal fatto che una cultura umana sia stata marchiata da un’altra con macabri numeri sulle braccia.

Quello che fa ghiacciare ancora il nostro sangue nelle vene, non è solo stato provocato dall’aver visto corpi di persone trattati come stracci di pezza trascinati al macero.

Quello che ancora scassa il battito del nostro cuore, non è solo stato provocato dall’insopportabile fatto che scarpe, denti, capelli e occhiali siano stati risparmiati dal diabolico fuoco dei forni.

Quello che ancora oggi ci fa percepire un forte tanfo acido lungo le narici del nostro naso, non è solo stato provocato da quel grigio fumo denso che lasciava cadere leggermente a terra una macabra e ferale polvere come misero nevischio.

Quello che ancora oggi fa sballare ogni nostro pensiero logico, non è solo stato provocato da quella scritta insopportabile, per quanto follemente ironica, presente all’entrata senza ritorno di quei cancelli: ‘Arbeit Macht Frei’, il lavoro rende liberi.

Quello che ormai è accaduto

Quello che ormai è stato disgraziatamente fatto

Quello che ancora oggi è per noi tutti inspiegabile, è dato dal fatto che ciò è umanamente impossibile da capire

CON QUALE MENTE, CON QUALE CUORE, CI SONO STATE PERSONE CHE L’ABBIANO GIÀ SOLO POTUTO PENSARE?!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->