giovedì, Dicembre 2

Quel sentiero illegale che parte dall’Africa e finisce in Cina L’oscura morte del conservazionista Martin e le tracce del commercio illecito di avorio e polvere di corno di rinoceronte

0

Secondo quel che affermano tutti i colleghi che operano nello stesso ramo professionale, Esmond Bradley Martin è da ritenersi uno dei più grandi personaggi mondiali impegnati nella lotta al commercio illegale di avorio e polvere da corno di rinoceronte, è stato proprio lui a smascherare numerosi trafficanti ed altrettanti acquirenti più o meno disponibili ad entrare nel giro attraverso acquisti al limite tra legale e illegale. E sempre secondo gli stessi esperti, allo stato attuale, dopo il grande lavoro svolto in relativa solitudine, è oggi praticamente impossibile per le Autorità cinesi ignorare quale sia la reale entità di questi commerci illegali ancorché mastodonticamente proficui per alcuni direttamente coinvolti nell’oscura illegalità di questi vergognosi commerci. E continuare a far finta di niente. Anche i colleghi della Associazione Save the Elephants hanno descritto Martin come un alleato di lunga data, vero campione nella difesa del Regno Animale e ricercatore scrupoloso.

La domanda illegale di avorio da zanna d’elefante ha condotto allo stato attuale determinato da una drammatica caduta nei numeri degli esemplari, circa 5 milioni un secolo fa ed oggi tristemente attestati intorno ai 400.000 ancora sopravvissuti, per non parlare poi della vera e propria devastazione e desertificazione delle aree protette nelle quali gli elefanti africani solitamente permangono e cercano di vivere. Di fatto, secondo calcoli delle ONG impegnate in questo settore, l’habitat favorevole agli elefanti è praticamente dimezzato.

Per quanto riguarda i rinoceronti, meno di 30.000 di essi si stima rimangano ancor oggi in vita a causa dei duri colpi inferti dal bracconaggio. Il prezzo della polvere di corno di rinoceronte è schizzato letteralmente in alto in varie Nazioni d’Asia, in specie in Cina e Vietnam dove i consumatori locali sono fortemente convinti che il corno – composto delle stesse sostanze che compongono le unghie – abbia grandi poteri curativi. Sono numerose le strutture sussidiarie e i personaggi-ponte in questo oscuro traffico rivenuti dalle forze di Polizia di mezzo Mondo in Vietnam, Cina, Corea del Sud e Thailandia. In una intervista del 2007 tenuta a Public Radio, Martin affermò che a parte una piccola area in India, generalmente in Asia (contrariamente a quanto generalmente si afferma) la polvere di corno di rinoceronte non è usata a scopi sessuali.

Sempre nei suoi studi, a parte il riscontro connesso agli utilizzi di avorio e polvere di corno di rinoceronte, nel primo caso per scopi connessi con arte decorativa e arredo e nel secondo caso per applicazioni medicamentose, Martin rilevò che una delle tratte maggiormente affollate nel commercio illecito specifico è sì verso la Cina ma più recentemente vi è da annoverare lo Yemen sia per utilizzi di transito verso la stessa Cina ma anche perché -soprattutto nel caso della polvere di rinoceronte – se ne fa uso proprio nella stessa Nazione medio-orientale.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->