venerdì, Settembre 24

Quel che ci spezza il cuore … la scuola vuota A vedere queste immagini è come sentirsi soli in mezzo al deserto, ma almeno il deserto è caldo ...

0

A vedere queste immagini è come sentirsi soli in mezzo al deserto, ma almeno il deserto è caldo, il sole brilla… qui fra questi banchi muti e vuoti il cuore sente freddo, soffre il gelo per la mancanza delle voci diverse di bambine e bambini, di ragazzi e ragazze…di quelle voci che al solo sentirle trasmettevano la bellezza della vita, della vivacità…il piacere di vedere esistenze alla ricerca di una evoluzione tutta da sperimentare… vite a volte ribelli, a volte pacifiche, a volte pigre e a volte reattive, a volte deluse e a volte appagate.

Questa assenza rende la scuola un vero proprio cimitero di banchi vuoti, banchi morti perché non hanno smarrito il loro compito: sorreggere la vita.

L’aria, i colori, i respiri, l’odore dei libri, il rumore dei corpi, i canti, la voce sicura delle educatrici e degli educatori, un grido, una risata, un silenzio per pensare… tutto questo ci manca e ci spezza il cuore!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->