martedì, Agosto 3

Queen Elizabeth, il fiore all’occhiello della Marina inglese

0

Dopo otto anni in cantiere, la Her Majesty Ship (HMS) Queen Elizabeth è pronta a solcare i mari. Si tratta di una portaerei fiore all’occhiello della marina inglese, che è stata costruita a Rosyth, in Scozia. Sei miliardi di sterline il costo complessivo della Queen Elizabeth, lunga 280 metri e con una stazza di 65.000 tonnellate. Al suo interno ben 1000 uomini, mentre dal suo ponte possono decollare 36 F-35B e 4 elicotteri.

Seconda nave a portare il nome Queen Elizabeth (la prima fu una corazzata della prima guerra mondiale), nel 2023 sarà seguita dalla sua gemella, Prince of Wales. «Si tratta di un‘unità di deterrenza, coercizione e ed anche un segnale politico, oltre che un’enorme base marina. Non dimenticate, è un assetto marittimo per il soccorso umanitario, la difesa e per la promozione dell’industria britannica all’estero», ha detto alla sua presentazione il comandante Jerry Kyd.

La Queen Elizabeth ha già lasciato il bacino di Rosyth, in cui è stata costruita, per sei settimane di prove in mare; ci tornerà per le migliorie necessarie, per raggiungere in seguito quello che sarà il suo porto, Portsmouth. Si tratta di uno dei più grandi progetti della difesa nella storia nazionale: i lavori sono iniziati nel 2009 e le polemiche non sono mancate, visti i numerosi ritardi e i costi che sono lievitati rispetto al budget iniziale.

(video tratti dai canali Youtube di Telegraph e BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->