mercoledì, Dicembre 1

Quanto inquina la Cina field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Istituti bancari specializzati nella forma di banche di investimento quali la Asian Development Bank ADB, oppure la Banca Mondiale così come nuovi investitori bancari globali quali la banca dei Paesi BRICS, che comprende Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa stanno meditando di disporre la crescita degli investimenti da destinare alle infrastrutture. Gli esperti nel contesto della pianificazione, così come nel campo più strettamente economico-bancario, stimano sia necessaria una cooperazione fattiva da parte sia del sistema pubblico sia da parte del sistema bancario e imprenditoriale privato; bisognerà però verificare nel medio e nel lungo termine quanto i settori pubblico-privato riusciranno ad armonizzarsi, data l’urgenza del momento nel contesto ambientale planetario.

Una prima fonte che i pianificatori stanno analizzando è quella delle cosiddette energie alternative come biomasse, vento, energia solare, energia geotermica: si tratta di fonti energetiche ancor oggi alquanto incostanti soprattutto al cospetto dell’energia sprigionata da fonti fossili, questo presuppone la necessità di investire in ricerca nella creazione delle migliori soluzioni possibili per l’immagazzinamento dell’energia qualunque sia la fonte alternativa ai carbonfossili. Allo stesso tempo, il miglioramento delle tecnologie nel settore delle previsioni meteorologiche sta offrendo sempre più grandi opportunità nel management delle fonti di energia alternativa, si tratta di una novità di notevole impatto che va assumendo contorni sempre più rilevanti e definiti nel corso degli ultimi anni. Bisogna inoltre considerare che i finanziamenti investiti per il carbone, così come per il petrolio e il gas, ammontano a circa 500 miliardi di Dollari all’anno, 10 volte l’ammontare da annotare per i danni derivanti da tutto ciò all’Ambiente. Ebbene, l’Asia assomma la metà degli investimenti per l’energia derivante da carbonfossili. La sola eliminazione di questa quota di milioni di Dollari sicuramente apporterebbe un macroscopico miglioramento nelle emissioni da carbonfossili e per l’ottenimento di energia pulita secondo vie alternative. Questa è la strada che attualmente stanno seguendo due tra i più grandi Stati-produttori al Mondo: due Stati asiatici corre obbligo di sottolineare, Indonesia e India.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->