venerdì, Maggio 7

Quanto costa la Regina Elisabetta ai sudditi del Regno Unito?

0

E’ acceso e vibrante il dibattito in Gran Bretagna sull’aumento di ‘stipendio’ dell’8% per la Regina Elisabetta. La sovrana riceverà un aumento di oltre 6 milioni di sterline per il 2018-2019, arrivando a 82,2 milioni. La cifra copre anche i costi del personale, dei viaggi ufficiali e della manutenzione dei palazzi.

L’aumento dei fondi destinati alla Regina Elisabetta è stato reso possibile anche grazie ad una crescita di 24,7 milioni di sterline dei profitti del Crown estate fund, il portafoglio finanziario della Corona, la cui gestione è controllata dal Parlamento. I profitti per il 2016/2017 sono arrivati a 328,8 milioni. Si viene a sapere poi che l’aumento delle spese per la Regina è legato anche ai lavori di rinnovamento di Buckingham Palace, stimati a 369 milioni di sterline per i prossimi dieci anni.

La notizia di questo ‘ritocco’ dei fondi in favore della Regina Elisabetta arriva a qualche settimana dal rogo del grattacielo popolare della Grenfell Tower, che ha riportato in auge l’aumento della forbice tra ricchi e poveri. Secondo sir Alain Reid, il responsabile della Borsa Reale, i costi della Regina Elisabetta rappresentano comunque un investimento: «Si tratta di 65 penny annui a persona. Se lo paragoniamo a quello che la Regina rappresenta per questo Paese, penso sia un ottimo rapporto costi-benefici». Anche se molti sudditi non la pensano così.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->