mercoledì, Agosto 4

Quanto costa la cerimonia degli Oscar?

0

A cerimonia degli Oscar finita, l’Academy Awards fa i conti con le spese da saldare. L’evento, noto nel mondo per lo sfarzo e il lusso, lo scorso anno è venuto a costare ben 42,7 milioni di dollari, incluso l’affitto del Dolby Theatre.

Il celebre tappeto rosso, che misura 150 metri, costa ben 30mila dollari, ma è il solito drappo che viene riproposto ogni anno. Spesa fissa dell’Academy sono le statuette placate d’oro, il cui valore varia in funzione del corso del metallo. Quest’anno, il costo stimato è di 900 dollari l’una, quindi 45mila dollari in tutto. Senza parlare poi della questione della sicurezza, che con oltre 3.300 invitati, costerebbe almeno sui 300mila dollari. E poi per i festeggiamenti come farsi mancare mille magnum di Champagne cuvée speciale e 300 aragoste del Maine.

Ma l’Academy si rifà con la vendita dei biglietti: da 150 a 750 dollari l’uno. E con i diritti tv, per i quali Walt Disney versa ben 75 milioni di dollari l’anno. Senza contare il gettito generato dagli sponsor, che ogni anno investono centinaia di migliaia di dollari.

Infatti, ogni anno viene consegnata ai candidati la ‘swag bag‘, un ‘pacchetto’ di benefit e regali che i ‘nominati’ ricevono, che vincano il premio oppure no. Si tratta di un regalo cospicuo (il valore è stato stimato intorno ai 200mila dollari) che include di tutto, dagli oggetti ai viaggi premio. Quest’anno i candidati porteranno a casa tanti oggetti -di dubbio gusto- e dal costo ingiustificato, dal vaporizzatore portatile da 249,99 dollari a quasi 2000 dollari in cosmetici ‘Vampire Breast Lift’, dalla carta igienica, il cui costo secondo gli organizzatori ammonta a ben 275 dollari, a prodotti e creme ‘Lizora’ per oltre 30mila dollari.

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->