martedì, Maggio 24

Quando i crimini di guerra russi in Ucraina si potranno chiamare ‘genocidio’? I crimini dell'esercito russo in Ucraina rispecchiano chiaramente e senza ambiguità il linguaggio genocida di Putin e dei suoi propagandisti

0

All’aula del Senato degli Stati Uniti la sera del 6 aprile, il leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti Chuck Schumer ha accusato direttamente la Russia di aver condotto una guerra genocida in Ucraina: “Quando uccidiamo arbitrariamente civili innocenti per quello che sono, che si tratti della loro religione, razza o nazionalità, questo è un genocidio, e il signor Putin ne è colpevole”.

Tuttavia, non tutti sono d’accordo con l’interpretazione di Schumer. Solo pochi giorni prima a Bruxelles, il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg e il Segretario di Stato americano Antony Blinken hanno esitato alla domanda sul genocidio.

Allo stesso modo, in una conferenza stampa alla Casa Bianca il 4 aprile, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan si è fermato prima di riconoscere che in Ucraina era in corso un genocidio: “Sulla base di ciò che abbiamo visto finora, abbiamo assistito a atrocità. Abbiamo assistito a crimini di guerra. Non abbiamo ancora visto un livello di privazione sistematica della vita del popolo ucraino salire al livello di genocidio”.

È indiscutibile che più unità dell’esercito russo abbiano commesso omicidi di massa in Ucraina, sia giustiziando centinaia di civili nelle città e villaggi occupati, sia bombardando obiettivi civili in città come Mariupol, Kharkiv e Chernihiv. I soldati russi si sono anche impegnati in violenze sessuali diffuse, nel rapimento di dirigenti municipali e nella deportazione forzata di rifugiati nei campi in Russia.

Queste azioni costituiscono tutte crimini di guerra. Nessuno giustizia per errore più di 300 civili in una singola città o riduce accidentalmente un’intera città in macerie. Ma i crimini della Russia in Ucraina superano la soglia per qualificarsi come genocidio? Molto dipende dalla questione dell’intento.

Qualsiasi tentativo di determinare se i crimini commessi dalle truppe russe in Ucraina siano guidati da intenti genocidi deve necessariamente concentrarsi sulle dichiarazioni del Presidente russo Vladimir Putin.

Per molti anni, Putin ha pubblicamente messo in dubbio la legittimità della statualità ucraina, insistendo sul fatto che gli ucraini sono davvero russi (‘un popolo’). Ha ripetutamente respinto la lunga lotta dell’Ucraina per la statualità, sostenendo che l’intera nozione di un’Ucraina separata è stata creata artificialmente nel corso di centinaia di anni da potenze straniere che cercano di minare la Russia.

Molte delle affermazioni più problematiche di Putin sono state esposte nel suo lungo saggio del luglio 2021 intitolato ‘Sull’unità storica di russi e ucraini’. In questo straordinario trattato, Putin ha negato l’esistenza di una nazione ucraina separata mentre affermava che l’Ucraina moderna era colpevole di aver occupato terre storicamente russe. Il suo saggio è stato visto come una dichiarazione di guerra contro lo stato ucraino e da allora è stato reso obbligatorio come lettura per tutti i membri dell’esercito russo.

Putin è andato ancora oltre alla fine di febbraio 2022 con una serie di sproloqui sfrenati progettati per giustificare l’invasione su vasta scala dell’Ucraina. Ha bollato l’Ucraina come un ‘anti-Russia’ gestita da ‘neo-nazisti e tossicodipendenti’ e ha promesso di ‘de-nazificare’ l’intero Paese. Il messaggio all’esercito invasore russo non avrebbe potuto essere più chiaro: l’Ucraina è uno Stato illegittimo e il posto legittimo dell’Ucraina è come parte della Russia. Tutti gli ucraini che insistono diversamente sono traditori e nemici della Russia che dovrebbero essere trattati in modo appropriato.

Putin non è l’unico russo che attualmente predica il genocidio. Al contrario, le dichiarazioni di genocidio sono diventate allarmanti alla TV del Cremlino dallo scoppio delle ostilità con l’Ucraina il 24 febbraio.

Un articolo in particolare merita una maggiore attenzione. Mentre il mondo indietreggiava inorridito dalle rivelazioni dei crimini di guerra russi nella città suburbana di Bucha fuori Kiev, il media statale russo RIA Novosti ha pubblicato un articolo intitolato ‘Cosa dovrebbe fare la Russia con l’Ucraina’. Questo testo da incubo è stato ampiamente condannato come manifesto di genocidio.

L’articolo spiega che il termine ‘nazista’ usato dal Cremlino in relazione all’Ucraina si applica effettivamente a chiunque si autoidentifichi come ucraino. Ammette anche che ‘de-nazificazione’ significa in realtà ‘de-ucrainizzazione’ o la distruzione di una nazione ucraina separata. La stessa indipendenza ucraina viene denunciata come un atto criminale ‘nazista’, mentre milioni di ucraini vengono etichettati come nazisti e condannati alle ‘ineluttabili difficoltà della nostra guerra giusta’. In questa visione depravata di una futura Ucraina senza ucraini, il Paese non può più essere sovrano, né può essere conosciuto come Ucraina.

Questo agghiacciante documento non è apparso ai margini estremisti del dibattito nazionale russo. È stato pubblicato e dato risalto a una delle principali piattaforme mediatiche statali del paese durante un periodo di accresciuta censura in tempo di guerra. In quanto tale, rappresenta un’approvazione semi-ufficiale del genocidio.

Data l’ampia evidenza dell’intento genocida di Mosca nei confronti dell’Ucraina, perché non c’è ancora consenso internazionale sul fatto che i crimini di guerra della Russia si qualifichino come genocidio?

Molti funzionari e diplomatici rimangono cauti e si sentono vincolati dalla definizione di genocidio delle Nazioni Unite, che è di per sé problematica. L’ONU definisce il genocidio come l’uccisione o una serie di altri atti “commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”. Distingue anche tra “genocidio”, “cospirazione per commettere genocidio” e “tentativo di commettere genocidio”.

Sfortunatamente, non esiste una definizione chiara di ciò che costituisce l’elemento “in parte” di questa definizione delle Nazioni Unite. Nel frattempo, anche i tentativi di distinguere tra tentato genocidio e cospirazione genocida da un lato, e vero genocidio dall’altro, sollevano questioni preoccupanti. È davvero possibile identificare un genocidio solo dopo che è stato commesso in modo sostanziale o completo?

Il dibattito sul fatto che le azioni della Russia costituiscano un genocidio non è solo di carattere tecnico o accademico. Riconoscere che una campagna di genocidio è in corso nel cuore dell’Europa farebbe scattare ogni sorta di campanelli d’allarme geopolitici e innescherebbe inviti all’azione in tutta la comunità internazionale. Tuttavia, i critici dell’attuale definizione delle Nazioni Unite temono che assolva effettivamente il mondo che osserva da ogni responsabilità di rispondere fino a quando il genocidio in questione non avrà già avuto luogo.

Il tempo sta rapidamente scadendo per prevenire una catastrofe. Quasi ogni giorno, le forze ucraine in avanzamento incontrano nuove prove delle atrocità russe e scoprono fosse comuni appena scavate. I crimini dell’esercito russo in Ucraina rispecchiano chiaramente e senza ambiguità il linguaggio genocida di Putin e dei suoi propagandisti. In effetti, è un genocidio così sfacciato che gli autori hanno effettivamente pubblicizzato le loro intenzioni in anticipo. Se milioni di ucraini ora muoiono a causa dell’inazione internazionale, nessuno può affermare di non saperlo.

 

 

 

 

La versione originale di questo intervento si trova qui.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Bohdan Vitvitsky ha servito come consulente legale residente presso l'ambasciata degli Stati Uniti a Kiev e come consigliere speciale del procuratore generale dell'Ucraina. Ha anche lavorato come procuratore federale negli Stati Uniti.

End Comment -->