domenica, Maggio 9

Quale volabilità per i tassi di mercato mondiali? field_506ffb1d3dbe2

0

I mercati continuano le loro forti oscillazioni in quanto gli investitori considerano la salute dei due più grandi economie del mondo. La Cina ha segnato martedì con il suo indicatore i crolli nella produzione ufficiale con il livello più basso negli ultimi tre anni. Un rapporto di fabbrica USA vede il ritmo espandersi più lentamente dal maggio 2013, contribuendo al terzo più grande calo nell’indice S & P di 500 volte quest’anno. Le borse asiatiche, come misurata dal MSCI Asia Pacific, hanno oscillato tra un guadagno del 0,4 per cento e una perdita di 1,1 per cento.

Azioni cinesi affondarono fino al 4,7 %, per poi risalire a un guadagno dello 0,9%, chiudendo poi la sessione di 0.2% in meno. I commercianti ipotizzano dei fondi statali di ritorno per puntellare il mercato prima della grande parata militare di domani. Declino di mercoledì viene dopo l’indice di Shanghai ha avuto la sua più grande perdita di due mesi dal 2008 come il rallentamento economico della nazione che persiste. Mercati cinesi sono chiusi per il resto della settimana per una vacanza per commemorare la fine della seconda guerra mondiale.

Lo yen continua a muoversi dentro e fuori di favore a seconda della propensione al rischio. Mentre i mercati azionari di tutto il mondo sono affondati martedì, lo yen è stato il rifugio valuta di scelta, in aumento contro tutti e 16 i suoi principali coetanei. Il sentimento migliorato mercoledì, quando è caduto contro ogni valuta principale tranne il won sudcoreano. Oscillazioni di prezzo tra gruppo di sette valute, come misurato dall’indice JPMorgan G7 Volatility, sono saliti ai massimi dal 2 aprile.

Le borse europee sono aumentate fino al 0,8 % prima di abbandonare i guadagni; 2,7 % nel crollo di martedì del 577 del Stoxx 600 di membri, caduti dopo deboli dati di produzione cinesi e statunitensi. L’indice è precipitato del 10% da quando la Cina ha svalutato lo yuan tre settimane fa. E ‘affondato il 14% dal colpire un record nel mese di aprile. L’attenzione ora si gira verso riunione politica della Banca Centrale Europea a Francoforte giovedì, insieme alla conferenza stampa del presidente Mario Draghi. La settimana si conclude con il rilancio degli Stati Uniti rapporto di lavori del mese di agosto, che è considerato il più importante rilancio economico prima che la Federal Reserve si riunisce per decidere sui tassi di interesse in due settimane.
Ciò è quello che spiega nel video semplicemente su ‘Bloomberg TV’ 

(tratto dalla sezione video di ‘Bloomberg TV’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->