sabato, Settembre 25

Qatar, arrivano le truppe della Turchia

0

La Turchia si muove per il Qatar. Truppe di Ankara infatti sono arrivate nei giorni scorsi nel Paese per un’esercitazione militare congiunta programmata da tempo. Secondo informazioni giornalistiche, in particolare di ‘Al Jazeera‘, il dispiegamento dei militari turchi nel Paese è stato reso possibile dall’ultima legge approvata dal parlamento di Ankara lo scorso 7 giugno.

Una delegazione delle forze armate turche era stata inviata in Qatar il 12 giugno per i preparativi relativi al dispiegamento dei militari di Ankara nel Paese del Golfo. L’accordo per l’istituzione della base è stato firmato nel 2016, ma il parlamento l’ha ratificato il 7 giugno nel mezzo dello scontro diplomatico che ha coinvolto proprio il Qatar con i vicini Arabi. E proprio in questo frangente la Turchia non ha esitato a schierarsi dalla parte di Doha. Ad intervenire in prima persona il  presidente Recep Tayyip Erdogan, che ha criticato aspramente le sanzioni imposte al Qatar, definendole «disumane e non islamiche», paragonandole poi sanzioni a una «condanna a morte».

Non ha funzionato però l’appello all’Arabia Saudita, alla quale Erdogan ha chiesto che assuma un ruolo di guida nella soluzione della crisi, in attesa di un colloquio con Donald Trump. Nei giorni scorsi la Turchia si è proposta come mediatore nella crisi tra il Qatar e gli altri Paesi arabi, ma ora le cose sembrano cambiate. E la Turchia ha scelto il suo campo con decisione.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->