domenica, Aprile 18

Pyeongchang e la ‘diplomazia’ delle cheerleader Le ragazze sono parte della folta delegazione composta da atleti, funzionari e artisti che grazie alla 'tregua olimpica' hanno attraversato la zona militarizzata

0

Sono 229 le cheerleader nordcoreane che sono arrivate in Corea del Sud per sostenere gli atleti del Nord ai Giochi Olimpici di PyeongChang. Le ragazze sono parte della folta delegazione composta da atleti, funzionari e artisti che grazie alla ‘tregua olimpica’ hanno attraversato la zona militarizzata che divide le due nazioni.

Ancora massimo riserbo sulle coreografie che metteranno in scena le cheerleader che, secondo quanto riportano i media sudcoreani, sono state scelte in base a criteri di aspetto fisico, appartenenza familiare, competenza e vicinanza al Partito dei lavoratori.

Certo è che poi queste cheerleader dovranno tornare indietro. Ebbene la Corea del Nord ha chiesto a Seul il carburante per il traghetto che ha trasportato il gruppo artistico. Altrimenti altro che agevole ritorno…

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->