lunedì, Aprile 12

Pyeongchang 2018: si sono chiuse le Olimpiadi Invernali Le immagini di «The next wave», la cerimonia di chiusura delle XXIII Olimpiadi invernali

0

A Pyeongchang, alle ore 20 del 25 febbraio 2018 ( circa le 12 in Italia), è iniziata, con dei bambini sui pattini,  «The next wave», la cerimonia di chiusura delle XXIII Olimpiadi invernali. Le autorità hanno ringraziato gli organizzatori, i volontari e gli atleti per lo spettacolo di 17 giorni di gare. Bellissimi e colorati fuochi d’artificio, musica, balli tradizionali coreani hanno caratterizzato la cerimonia. Ad assistere, in tribuna, il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in con sua moglie, vicino alla figlia del presidente americano Donald Trump, Ivanka Trump, vestita dei colori della squadra statunitense. Poco dietro la delegazione della Corea del Nord.

E’ dunque sceso il sipario sulle Olimpiadi invernali 2018: la Norvegia ha conquistato la in vetta nel medagliere.  Portabandiera per l’Italia è stata Carolina Kostner, nominata alfiere dal presidente del CONI Giovanni Malagò “a suggello di una carriera più unica che rara”. Oltre alla Kostner,  anche Arianna Fontana, portata quasi in trionfo da Luca LanotteOndrej Hotarek, e con al collo le tre medaglie conquistate in questa edizione delle Olimpiadi.

Ben otto minuti sono stati poi dedicati alla presentazione dei prossimi Giochi Olimpici, quelli di Pechino 2022. La presentazione è avvenuta con le coreografie del regista cinese Zang Yimou, ideatore delle cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi di Pechino del 2008.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->