martedì, Maggio 18

PSA crede in Vauxhall, nonostante la Brexit La proprietà francese ha annunciato l'intenzione di costruire un nuovo modello del furgone Vivaro e aumentare la produzione nel 2019

0

L’immediato futuro dello stabilimento della Vauxhall a Luton, in Gran Bretagna, è stato assicurato dopo che la proprietà francese ha annunciato l’intenzione di costruire un nuovo modello del furgone Vivaro e aumentare la produzione nel 2019. PSA, che gestisce Peugeot e Citroen e che ha acquisito Vauxhall lo scorso anno, dovrebbe investire intorno ai 100 milioni di sterline nello stabilimento nonostante e incertezze causate dalla Brexit.

Il Groupe intende incrementare la quota di mercato in Europa e accelerare lo sviluppo in altre regioni del mondo. Per aumentare le capacità produttive nei van compatti, si punta quindi sul sito di inglese della Vauxhall a partire dal 2019, oltre che dall’attuale stabilimento di Hordain.

La bozza di accordo negoziato tra il sindacato Unite e lo stabilimento di Luton, abbinata al know-how nella produzione di VCL e alla flessibilità degli impianti come le cabine di verniciatura, sono stati decisivi per avallare l’investimento nonostante la Brexit. Nel 2017 il sito ha prodotto 60 000 Opel/Vauxhall Vivaro. L’installazione della nuova piattaforma EMP2 PSA, porterà la capacità produttiva annuale a 100.000 veicoli.

Il sindacato Unite ha affermato che 350-450 nuovi posti di lavoro potrebbero essere creati a Luton e che la sopravvivenza dell’impianto Vauxhall sarebbe stata garantita per almeno 10-12 anni.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->