domenica, Maggio 9

Proterra Catalyst E2 Max, ecco l’autobus elettrico del futuro Può ospitare fino a 40 posti e monta una batteria da 660 kWh che può essere ricaricata interamente in meno di 5 ore

0

1772 km di autonomia con una sola carica. E’ questo il record stabilito dal Proterra Catalyst E2 Max, autobus elettrico del futuro. Il test è avvenuto presso il circuito di test Navistar Proving Grounds di New Carlisle (Indiana).

Si tratta di un grande risultato non solo perché un comune autobus normalmente percorre tratte notevolmente più corte nell’arco di una giornata, ma anche perché il modello in questione è adeguatamente dimensionato per ogni esigenza.

Il Proterra Catalyst E2 Max può ospitare fino a 40 posti e monta una batteria da 660 kWh che può essere ricaricata interamente in meno di 5 ore grazie a un sistema ad alta velocità da 120 kW. Al momento, con questo risultato, batte il suo concorrente, il cinese BYD, che ha consegnato la prima flotta di bus elettrici a Torino e Novara. 23 mezzi con un’autonomia di 310 km.

Il settore comunque è in fermento: solo da ultimo Daimler ha confermato la prossima fornitura di veicoli elettrici per UPS, mentre Cummins e Tesla stanno collaborando per un autoarticolato. Si sta muovendo anche un altro gigante come la Toyota, che sta testando un camion a celle di combustibile a idrogeno e Nikola con Bosch faranno lo stesso.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->