martedì, Settembre 28

Prince, un talento irriducibile agli schemi Morto ieri uno dei talenti musicali più sfuggenti, eclettici e imprevedibili degli ultimi trent’anni

0

È difficile credere, in questo 2016 già segnato dalla fine di molte icone musicali che toccasse anche a lui. Eppure è così. Se n’è andato Prince, uno dei talenti più sfuggenti, eclettici e imprevedibili degli ultimi trent’anni della scena musicale internazionale. Nato a Minneapolis il 7 giugno 1958 viene battezzato Prince Rogers Nelson. La musica entra da subito nella sua vita visto che il nome Prince è un omaggio al gruppo di jazz da ballo in cui milita il padre. Cresce immerso nella black music ma affianca a quei ritmi anche una passione sfrenata per Jimi Hendrix, i Beatles e il rock pesante. Talentuoso e imprevedibile il suo impegno artistico non può essere ricondotto a un’unica disciplina. Cantante, musicista, attore, regista e produttore ha percorso le strade musicali più varie, dal pop al soul, al jazz, al rock, al funk con la disinvoltura che è tipica dei grandi artisti, quelli che non accettano di farsi rinchiudere in un recinto stilistico perché la loro creatività s’abbevera ogni giorno a nuove emozioni. Le sue radici affondano nel rock quando dodicenne comincia a far parlare di sé nei locali della sua città e a diciotto anni è già una piccola star. Nel 1978 il primo album ‘For you’ lo fa conoscere anche fuori dai confini degli Stati Uniti. Brani come I wanna be your lover, ‘Uptown, ‘When you were mine (più tardi riproposta da Cyndi Lauper), ‘Controversy, e ‘Let’s work segnano l’inizio di una leggenda fatta di trasgressione nei testi e mescole musicali mai tentate prima di lui. Il suo suono mescola il rock con la disco music e il suo personaggio sembra attingere ai grandi provocatori neri. C’è chi scrive che in lui si condensa la storia della black music da Little Richard a James Brown, da Sly Stone a George Clinton con un pizzico di Frank Zappa. Prolifico e capace ogni volta di stupire un album dopo l’altro negli anni Ottanta costruisce un monumento musicale imponente la cui sintesi inarrivabile restano gli otto minuti hendrixiani di ‘Purple rain’. I media fanno fatica a inquadrare il suo personaggio androgino, capace di suonare più di venti strumenti, che non sa leggere uno spartito e che dedica i suoi dischi a Dio. Molti lo osteggiano, ma lui abbozza e prosegue sulla sua strada. Quando è ormai una stella di prima grandezza nel 1989 accetta la sfida di lavorare alla colonna sonora di uno dei film più attesi della stagione, il “Batmandi Tim Burton. Lo fa a modo suo lavorando a un album che lui deliberatamente propone come ‘ispirato al film’ e slegato, dal punto di vista funzionale, dalle necessità di sonorizzare le azioni sulla scena. Il risultato è quello di scindere il destino della musica da quello del lungometraggio. Mentre la critica statunitense accoglie con freddezza il film di Burton l’album di Prince vola altissimo nelle classifiche. Nei decenni successivi sviluppa ancora di più la sua insofferenza nei confronti delle regole, anche di quelle dell’industria discografica. Quando si accorge che la Warner Bros ha registrato il suo nome artistico come un marchio, lo cancella per lungo tempo dalla sua vita artistica pubblicando dischi nei quali si firma con un simbolo. Entra da protagonista anche nel nuovo millennio, instancabile sperimentatore e altrettanto instancabile nel frantumare ogni consolidata certezza. La sua creatività non ha gabbie e nemmeno la sua curiosità. È uno dei primi artisti a vendere musica online, ma è anche tra i primi a frantumare le certezze di Internet e dei social network. Nel luglio scorso ritira tutti i suoi brani dalle grandi piattaforme di musica in streaming  per lasciarli solo su una piccola realtà creata dal rapper e produttore Jay Z. È stato tra i primi artisti a utilizzare i social per comunicare con i suoi fan ed è anche stato il primo a chiuderli quando si è accorto che il mezzo gli stava sfuggendo di mano. Oggi che se n’è andato cominciano le santificazioni postume anche da parte di quelli che tanti anni fa avevano cercato di bloccare alcuni suoi brani accusandoli di “pornografia”. È la consueta storia del music business. La macchina si è messa in moto e nessuno probabilmente la fermerà salvo che Prince abbia disseminato qualche trappola postuma. Io ci spero. Ciao Prince

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->