sabato, Novembre 27

Prezzo assicurazione auto, cosa cambia tra alimentazione a benzina, diesel e GPL Per risparmiare è molto importante considerare anche il fattore dell'alimentazione quando si acquista una vettura che si dovrà assicurare

0

Sapevate che il costo dell’assicurazione auto dipende anche dal tipo di alimentazione della vettura? Ebbene sì, tra i tanti parametri sui quali si basa il prezzo dell’RC Auto, tra cui la marca, il modello e la cilindrata, spicca anche il tipo di alimentazione.

In linea di massima un’auto con una cilindrata abbastanza alta fa aumentare il costo dell’assicurazione auto. Su questo incide soprattutto il numero di cavalli della vettura. La potenza del motore, dunque, è un fattore fondamentale da tenere in considerazione quando si acquista un’auto, soprattutto per quel che riguarda poi il costo futuro della polizza del veicolo.

È stato dimostrato, inoltre, come un’auto con motore diesel sia più cara dal punto di vista dell’RC auto rispetto ad un’auto alimentata a benzina. Le auto elettriche, invece, costano meno sotto questo punto di vista. Queste sono oggetto di diverse agevolazioni fiscali poste in essere dallo Stato al fine di incentivare l’acquisto di queste auto di ultima generazione che sono meno inquinanti rispetto alle vetture alimentate a diesel o benzina.

Discorso leggermente diverso per quanto concerne le auto alimentate a GPL e metano. Queste vetture non godono delle stesse agevolazioni riservate alle vetture elettriche o ibride.

In alcune zone d’Italia, infatti, risultano essere penalizzate dal punto di vista del premio assicurativo. Per alcune compagnie assicurative queste vetture hanno una maggiore possibilità di coinvolgimento in incidenti in quanto sono progettate e realizzate per percorrere più chilometri rispetto alle auto tradizionali.

Gli automobilisti che hanno intenzione di risparmiare al momento del preventivo assicurazione auto, oltre a preferire a compagnie dirette come Genertel, in grado di offrire prezzi generalmente più competitivi, devono considerare anche il fattore dell’alimentazione del veicolo.

Non a caso negli ultimi anni si è avuta una forte crescita per quanto riguarda il mercato delle auto GPL o metano. Gli automobilisti conoscono l’importanza di guidare un’auto che sia capace di consumare meno rispetto alle auto diesel o benzina. Questi, però, devono spesso fare i conti con un premio assicurativo che cresce anche in caso di acquisto di un’auto GPL o Metano che, oltre alla questione dei maggiori chilometri potenziali, sono anche più esposte al rischio di incendi a cui le vetture a GPL sono esposte.

La differenza, però rispetto alle auto alimentate a benzina o diesel sembra essere di poca portata. Questo fa sì che convenga, in ogni caso, acquistare un’auto GPL rispetto alle auto tradizionali, beneficiando così anche dell’esenzioni del pagamento del bollo, come previsto per alcune regioni italiane. Così come accade per le auto elettriche e quelle ibride che sono oggetto, come detto, di numerosi benefici fiscali.

Risulta essere dunque molto importante considerare anche il fattore dell’alimentazione quando si acquista una vettura che si dovrà assicurare, al fine di risparmiare sul costo finale del premio assicurativo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->