domenica, Maggio 22

Presidente, fuga dalle responsabilità 3/ Diario dai Grandi Elettori. Da domani si fa sul serio. Forse

0

L’elezione del Presidente della Repubblica raccontata dall’interno dei Grandi Elettori: testo e contesto, scena e retroscena. Firmata con un Alias riferito all’avo Costantino Mortati.
                                                                            GP

 

Come l’Appeso trafitto di Hieronymus Bosch (un particolare del ‘Trittico del Giudizio’) se ne stanno gli aspiranti Presidenti della Repubblica in questa terza giornata di voto per la successione a Sergio Mattarella. Altrettanto ed ancor più inutile delle precedenti, anche con i 125 voti per lo stesso Mattarella, e i 114 per Guido Crosetto. Comunque tanti quelli per il gigante pienontese, segno che la Meloni ‘tira’. Seguono Paolo Maddalena, Pierferdinando Casini, Giancarlo Giorgetti e Marta Cartabia, ma lei con soli 8 voti. Domani si rivota come oggi dalle 11, e per il momento basta. Ma due votazioni al giorno sarebbero un dato di ragionevolezza. E di assunzione di responsabilità.

Ripresisi, tutti gli esseri senzienti tra cui io, dal ‘Sara Cunial Show’ che tanto mi era stato personalmente pesante, rimangono tutti gli altri protagonisti impazziti. Dall’irresistibile duo comicoMatteo & Matteo‘, più che altro ridicoli ma non per questo sono meno perniciosi Salvini e Renzi, allo sconcertato Enrico, Letta. Da Giorgia quasi in my mind, Meloni naturalmente, all’ineffabile Renato, Brunetta. Il quale deve aver mutuato dall’omonimo Rascel anche la macchietta di Napoleone. Solo che l’attore la condiva di ironia, lui muove truppe inesistenti convinto di esserlo veramente. Anzi quell’altro (il francese) gli è almeno un gradino sotto come statura strategica e politica, pensa convinto. Uno spasso.

Il giochino dei voti strambi‘ (ma validi) in questi giorni di libera uscita lo trovo talmente infantile che non lo evidenzio neppure. Non goliardico, ché Goliardi erano gli universitari, ma proprio da Seconda elementare. Massimo Terza, toh. Che gusto ci sia ad indicare da Claudio Lotito a Rocco Siffredi non lo capisco proprio più. Allora tanto vale Rocco Buttiglione… Quanto alsantinoaureolato del Presidente Mattarella che girava a Montecitorio, più che una invocazione affettuosa mi sembra un sintomo di impotenza e ignavia. Magari ignavia operosa, ma sempre ignavia. E assumetevi le vostre responsabilità, vivaddio!

Però da domani, giovedì 27 (gennaio 2022, a scanso di equivoci visto il ricorrente contesto) la ricreazione è finita, per mutuare l’immagine del Presidente De Gaulle dopo il ’68 francese. E non si scherza più, visto che il quorum dal quarto scrutinio si abbassa alla maggioranza semplice, 50% più uno505 voti su 1009 aventi diritto. Che sono, cioè, 321 Senatori, 630 Deputati, 58 Delegati regionali. Insomma si fa sul serio. Forse.

Che farà Silvio Berlusconi è la domanda che attraversa tutto. E tutti. Io sono tra quanti, la stragrande maggioranza dei senzienti ritengono che abbia pianificato attentamente, e proficuamente, la possibilità di un colpo di mano. Non velleitario. E lo possa mettere in atto in ogni momentoForte del consenso che, uno per uno, va rccogliendo con lusinghe e promesse. E non solo da membri dei Gruppi Misti di Senato e Camera e non solo da quanto resta del Movimento Cinque Stelle. La previsione, quasi fondata certezza, è che del caso possa davvero pescare un po’ ovunque, in tutti i Gruppi. E tutti significa veramente tutti. Se non è abbastanza chiaro: tutti!

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
[A]
DIARIO DAI GRANDI ELETTORI
GIORNO PER GIORNO
Il racconto, sotto Alias, di chi fa parte dei Grandi Elettori per il Presidente.
1/ Presidente, l’inutile Fiera delle vanità 
2/ Presidente, tanto vale eleggere un Mastella (Clemente o Sandra, a scelta) 
[B]
SERGIO MATTARELLA, IL SUO LUNGO ADDIO
MOMENTI PRECEDENTI
Il Presidente Sergio Mattarella al saluto dopo sette anni di Servizio al Quirinale.
1/ La solitudine dolorosa e felice del Presidente Mattarella 
2/ Il Presidente Mattarella e il naturale esercizio del dovere 
[C]
LA CORSA PIÙ PAZZA DEL MONDO
TAPPE PRECEDENTI
Cronache della competizione senza regole e freni per il nuovo Presidente.
1/ Fedez for President 
2/ Chicco for President (non Mentana) 
3/ Aridatece Forlani! 
4/ Presidente della Repubblica: eleggiamo il più imbecille! 
5/ La Pazza del Quirinale 
6/ Vogliamo Berlusconi Presidente! 
7/ Presidente, volata finale danzando sull’orlo dell’abisso 
8/ Presidente, sarà Draghi 

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 2022-2029 /13 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->