lunedì, Maggio 16

Presidente 2022. Una vicenda raccontata da un idiota, piena di strepito e furore, e che non significa assolutamente nulla Neppure l'elezione del nobile Sergio Mattarella salva la 'classe diriniente' italiana

0

Tanto rumore per nulla‘ si potrebbe sintetizzare con le parole del Bardo questa folle corsa verso il cambio di inquilino al Quirinale. Che si è risolta con un giro attorno alla scrivania ed il risedersi allo stesso posto del medesimo occupante.

Ma non è così. O, meglio, non è solo così. Ché se per quanto riguarda la posizione apicale l’inquilino del Colle rimane lo stesso, per tutto il resto nulla è cambiato (alla Presidenza della Repubblica) perché tutto è cambiato. E niente sarà più come prima. Non lo è mai, ma questa volta men che mai. E ora affrontiamo la prima settimana dopo l’Apocalisse. O la mancata Apocalisse, dipende dai punti di vista, l’Apocalisse è avvenuta davvero, e più che mai, nei rapporti tra chi governa, in senso lato, il Paese, e chi ne è il mandante‘, tutti i cittadini e per la massima parte senza partecipare direttamente alle scelte di vertice. Peraltro, naturalmente, appannaggio di pochi, peraltro, innaturalmente, nel nostro Paese e in questo caso, i pochi sono stati pochissimi. E pochissimo responsabili, ridando a questa bella e recentemente usurata parola il senso di chi ha senso di responsabilità e lo usa. Magari, toh, per il bene comune.

In questo pezzo metaletterario abbiamo provato a descrivere l’ineffabile, ché solo l’allontanarci dalla cronaca e camminare nani sulle spalle di giganti può dare un senso alla tragedia in veste di commedia che abbiamo attraversato. Prescindiamo da quanto avviene tra le macerie. Anche dalla convinzione di molti, sciocchi, che con il nobile sacrificio, reale, di Sergio Mattarella si sia ricostituito un legame tra la gente‘, termine da usare con cautela ma in questo caso il più adeguato, e la classe dirigente. Altro termine da usare con cautela, soprattutto perché si è dimostrata ‘classe diriniente‘.

Del caso l’unico legame ricostituito è quello tra Mattarella e il popolo italiano, ma solo perché non si è mai interrotto. E si illudono, e di brutto, quanti pensano che il prestigio del nuovo e vecchio Capo dello Stato li porti con sé. Non stanno recuperando, non possono recuperare, dopo che hanno superato la squalificazione della classe politica esponenzializzata da Tangentopoli e Regionopoli. Dal Romanzo Quirinale 2022 si ritorna al Romanzo Criminale. Da nani sulle spalle di briganti.

E infine, siccome a ciascuno il suo mestiere, chi fa il cronista qui ha riportato cosa succede nel Paese reale, altro termine usato quasi sempre a sproposito ma esiste, ah se esiste. E chi ha fatto parte dei Grandi Elettori per sei giorni, e precisamente centocinque ore e trentanove minuti dall’avvio delle operazioni di voto di lunedì 24 sino alla loro conclusione di sabato 29, tira le conclusioni. Ricollegandosi all’apertura scespiriana, e facilmente parafrasando. La corsa per l’elezione del Presidente della Repubblica italiana è stata una vicenda «told by an idiot, full of sound and fury, signifying nothing».

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
[A]
DIARIO DAI GRANDI ELETTORI
GIORNO PER GIORNO
Il racconto in presa diretta, sotto Alias, di chi faceva parte dei Grandi Elettori per il Presidente.
1/ Presidente, l’inutile Fiera delle vanità 
2/ Presidente, tanto vale eleggere un Mastella (Clemente o Sandra, a scelta) 
3/ Presidente, fuga dalle responsabilità 
4/ Presidente. Niente! 
5/ Presidente. Basta! 
[B]
SERGIO MATTARELLA, IL SUO LUNGO ADDIO
MOMENTI PRECEDENTI
Il Presidente Sergio Mattarella al saluto dopo sette anni di Servizio al Quirinale. Ma poi…
1/ La solitudine dolorosa e felice del Presidente Mattarella 
2/ Il Presidente Mattarella e il naturale esercizio del dovere 
[C]
LA CORSA PIÙ PAZZA DEL MONDO
TAPPE PRECEDENTI
Cronache della competizione senza regole e freni per il nuovo Presidente.
1/ Fedez for President 
2/ Chicco for President (non Mentana) 
3/ Aridatece Forlani! 
4/ Presidente della Repubblica: eleggiamo il più imbecille! 
5/ La Pazza del Quirinale 
6/ Vogliamo Berlusconi Presidente! 
7/ Presidente, volata finale danzando sull’orlo dell’abisso 
8/ Presidente, sarà Draghi 

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 2022-2029 /16 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->