domenica, Luglio 25

Premio Terna 06 verso il futuro field_506ffb1d3dbe2

0

Premio Terna 06

Il Premio Terna per l’arte contemporanea o ‘Premio Terna 06’, arrivato come suggerito dal nome alla sua sesta edizione, è un concorso a premi che si svolge in Italiafinalizzato alla promozione degli artisti italiani e stranieri che operano stabilmente sul territorio italiano, sia già famosi sia emergenti, che abbiano compiuto almeno i diciotto anni alla data di inizio della manifestazione. È un modo per promuovere anche l’arte contemporanea e per puntare alla valorizzazione del legame tra arte e impresa.

Il Premio Terna prevede la realizzazione di uno o più eventi espositivi e l’assegnazione finale di premi per un valore totale e massimo di circa 70.000 euro. L’azienda Terna, guidata da Matteo del Fante, Amministratore Delegato, e presieduta da Catia Bastioli, è un grande operatore di reti per la trasmissione dell’energia elettrica, il primo operatore indipendente in Europa e sesto al mondo per chilometri di linee elettriche gestite. Con questo Premio, Terna ribadisce il suo costante impegno per la valorizzazione della creatività quale forma primaria ed essenziale della ricerca e destina parte del montepremi a una iniziativa di start up scelta tra i progetti di ricerca nel campo dell’energia per dare spazio al talento e alle nuove idee di sviluppo per il Paesein collaborazione con Italia Camp, associazione e fondazione che promuove e sostiene l’innovazione sociale e lo sviluppo di nuove risposte alle domande reali, lavorando per colmare la distanza tra la nascita di un’idea e la sua realizzazione, connettendo istituzioni, imprese e cittadini grazie a un innovativo modello di confronto e partecipazione per la società civile che sfrutta nuove tecnologie e sa sviluppare nuovi strumenti.

Il tema di quest’anno è ‘L’arte guarda avanti: gli artisti, e di conseguenza il pubblico, dovranno riflettere sulla necessità di una rinnovata energia e creatività per proiettarsi verso il futuro con positività e guardare al domani con strategie, nuova energia e idee inedite. La creatività diviene coraggio ed è propulsiva. Questo ‘traina’ oltre la società con l’impegno concreto a trovare nuove soluzioni per guardare avanti e con un’attitudine che vince la ‘stanchezza’ nella realtà esistente e realizza obiettivi, progetti e sogni della vita futura.

Le opere, che dovranno necessariamente avere un titolo ed essere accompagnate da un breve testo che ne spieghi il legame con il tema del Premio, saranno suddivise in tre categoriefotografia & videoartepittura e infine scultura & installazioni. I criteri fondamentali della selezione delle opere in concorso saranno: l’attinenza al tema del Premio, la qualità, la ricerca e l’innovazione. Quest’anno l’iniziativa è partita il 15 settembre scorso e gli artisti potranno partecipare, iscrivendosi gratuitamente e candidando, fino al 15 ottobre prossimo esclusivamente sul sito www.premioterna.it, le loro opere, di nuova realizzazione o già realizzate non oltre i dodici mesi antecedenti la data di inizio del ‘Premio Terna 06’, purché esse non abbiano vinto o siano risultate premiate in altri premi o concorsi.

Tra tutte le opere iscritte il Comitato Curatoriale individuerà le finaliste, che saranno esposte tra novembre e dicembre di quest’anno nel corso dell’esposizione ‘Mostra’ presso un museo o altro luogo della città di Roma o di Torino e potranno essere pubblicate sul catalogo (distribuito dall’editore scelto da Terna stessa), presentato e disponibile durante l’Evento di Premiazione, nel quale la Giuria, formata da famosi protagonisti del mondo dell’arte e della comunicazione, sceglierà le 9 opere vincitrici del Premio tra quelle andate in finale. Alle opere selezionate come vincitrici (cioè la prima, la seconda e la terza per ciascuna categoria artistica) saranno assegnati i seguenti premi: per la prima, una residenza d’artista e la possibilità di esporre la propria opera nell’ambito di ‘Paratissima’ e ‘The Others’, eventi artistici di riferimento nel panorama artistico a livello nazionale ed europeo di ‘Contemporary Arts Torino’ che si svolgeranno a novembre prossimo; per la seconda, un premio-acquisto del valore di 3.000 euro, mentre per la terza uno di 2.000. I premi si potranno ritirare entro e non oltre il 31 gennaio prossimo. Con l’accettazione del Premio i vincitori cedono a Terna l’opera e tutti i diritti a essa inerenti, ivi incluso quello di pubblicazione dell’immagine e di sfruttamento economico, fatto salvo quello ad essere riconosciuti quali autori dell’opera che hanno presentato al ‘Premio Terna 06’. Ai fini dell’Evento di Premiazione e della ‘Mostra’, che si svolgeranno entro il mese di gennaio 2015, agli artisti sarà richiesto l’invio dell’opera, il cui trasporto sul luogo e l’assicurazione relativa, anche durante la mostra, sarà a carico di Terna.

Sono stati più di 10.000 gli artisti coinvolti nelle precedenti edizioni con mostre finali, oltre che in Italia, a New York, Shangai e Mosca. Candidarsi al Premio Terna significa stabilire nuovi contatti con i curatori e gallerie internazionali. I vincitori delle passate edizioni del Premio stesso, come David Reimondo e Marinella Senatore, confermano questa affermazione.

Abbiamo intervistato Gianluca Marzianicuratore del ‘Premio Terna 06 (insieme a Cristiana Collu, direttrice del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto) e Direttore di Palazzo Collicola Arti Visive a Spoleto.

 

Il Premio Terna è arrivato alla sua sesta edizione. Cosa è cambiato e cosa è rimasto uguale di questa manifestazione nel corso di queste edizioni?

Il Premio, nel tempo, si è evoluto verso forme sempre più strutturate di sostegno alla creatività e alla solidarietà sociale, fino all’edizione attuale in cui Terna invita a ‘fare rete’ e progettare il futuro con rinnovata energia, sostenendo concretamente piani di imprenditorialità innovativa. Già nelle prime edizioni il Premio si è affermato come punto di riferimento per gli artisti, dai big agli emergenti, e ha creato nuove sinergie tra aziende, mondo dell’arte, istituzioni, cultura ed economia. Le caratteristiche che hanno reso unico il Premio sono: l’accesso libero e gratuito per tutti, senza barriere all’ingresso, il tema al quale gli artisti devono ispirarsi, una giuria d’eccellenza che si rinnova di anno in anno ed, infine, l’utilizzo del web come unico canale di partecipazione.

Come mai la scelta di dividere in tre sezioni (fotografia & video arte, pittura, scultura & installazioni) le opere in gara?

L’Arte è dinamicità, cambiamento, frutto di esperienze vissute nella quotidianità o di percorsi interiori. E’ riduttivo quindi limitare l’espressione artistica ad un’unica ‘disciplina’. Un’opportunità per dare modo a tutti gli artisti di sperimentare, attraverso differenti tecniche, modi di ‘sentire’ il tema di questa edizione.

Il tema del Premio Terna quest’anno è ‘L’arte guarda avanti’. Pensa che grazie alle varie manifestazioni artistiche che verranno proposte il nostro futuro possa essere più positivo e trarne nuova energia vitale con nuove strategie e idee e se sì o no perché?E la società intera trarrà o meno da queste la spinta necessaria a guardare al futuro?

La cultura da sempre è stata la scintilla che ha fatto cambiare il mondo, arricchendo gli animi con idee illuminate capaci di ‘attivare’ nuove sinergie e nuovi motori. Chi guarda avanti procede, persegue, ha la capacità di concentrarsi senza essere incurante. È un invito, sprigiona una forza contagiosa che trascina e riguarda non solo gli individui, ma anche la moltitudine. La creatività è sempre fertile, feconda, promuove la possibilità della differenza e del cambiamento.

Come le varie creazioni artistiche pervenute fino ad ora, che parteciperanno al Premio Terna, realizzano questo tema nelle varie sezioni?

E’ ancora prematuro fare considerazioni in merito. Le opere pervenute sono numerose. Le valuteremo una per una con la giusta attenzione a bando concluso.

Come questo premio aiuterà alla promozione dell’arte contemporanea in genere?

La piattaforma online del Premio Terna, già visitata in questi anni da oltre 8 milioni di utenti, è un palcoscenico per gli artisti e le loro opere, che possono essere scoperti da curatori, gallerie e addetti ai lavori: la più grande raccolta in Italia di opere d’arte contemporanea, completa di curricula e profili degli artisti, una ‘vetrina intelligente’ con gallerie virtuali, schede informative, fiere in 3d ed eventi social. Sono circa 170mila le persone iscritte alla newsletter.

Le opere vincitrici del Premio Terna saranno premiate durante l’Evento di Premiazione e saranno esposte tra novembre e dicembre prossimi nella ‘Mostra’ presso un museo o luogo della città di Roma o Torino. Quanto questo aiuterà alla promozione delle opere in gara e alla conoscenza e degli artisti stessi?

Le opere vincitrici avranno l’opportunità di esporre ad appuntamenti ormai consolidati nel tempo, come ‘Paratissima’ e ‘The Others’ – due degli eventi di arte contemporanea di riferimento nel panorama artistico a livello nazionale ed europeo – di Contemporary Arts Torino, in calendario a novembre. Una vetrina sul mondo dell’arte con un ruolo di prim’ordine.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->